Archivi tag: autunno

La Valle del Treja da Calcata Vecchia

Calcata-Panorama 5 RCRLB.jpg

La Valle del Treja in questi giorni inizia a colorarsi dei toni caldi dell’autunno: un meraviglioso gioco cromatico che va ad impreziosire il paesaggio già spettacolare della vallata. Su tutto ciò si staglia come una visione il borgo di Calcata Vecchia, da cui è scattata la foto.

Annunci

Tramonto romantico da Poggio Nibbio

Mti Cimini-Tramonto verso il Lago di Bolsena 1 RCRLB.JPG

Ancora un’immagine da questa altura ancora poco conosciuta, che regala atmosfere, scorci e panorami di straordinaria bellezza. Ecco un romantico tramonto autunnale verso il Lago di Bolsena, alle cui spalle si erge il Monte Amiata e altre elevazioni toscane. Poggio Nibbio e i Monti Cimini: davvero uno scrigno da esplorare con attenzione. 


Terre selvagge della Tolfa

Mte Piantangeli-Panorama verso Rota 1 RCRLB.JPG

Un magnifico panorama verso sud dal Monte Piantangeli, una delle massime elevazioni dei Monti della Tolfa. Sembra incredibile che nel XXI secolo territori così ampiamente intatti si trovino alle porte di una metropoli, nella fattispecie Roma: eppure questo è uno dei tanti elementi che rendono il Lazio una terra straordinaria. Merito della civiltà delle “università agrarie” (istituzioni di origine tardo medievale che oggi alcuni studiosi iniziano finalmente a riscoprire), ha permesso infatti la conservazione di paesaggi rurali di rara bellezza. Sulla cima del monte, a balcone sulla Valle del Mignone, si ergono i malinconici resti di un’abbazia templare, cui sono legate fosche leggende.


Vedute del Monte Autore a metà ottobre

Mti Simbruini-Vedute del Mte Autore 4 RCRLB.JPG

Il magnifico panorama che si gode dalle Vedute del Monte Autore, nel cuore dei Monti Simbruini, a pochi km dall’area sciistica di Livata-Campo dell’Osso. Appaiono la profonda Valle del Simbrivio, ricoperta da immense foreste di faggio ed acero e le cime principali dei Simbruini, ossia Viglio, Cotento e Tarino. Sopra i 1600-1700 m. il foliage è già quasi tardo-autunnale, con le distese rosseggianti di boschi mentre più in basso, fino a quota 1.000 circa l’autunno è nel suo colmo più spettacolare, con gli aceri accesi di rosso e di giallo a chiazzare come esplosioni di colore le faggete, che sfumano dal verde delle piante più “pigre” all’arancio e al rosso mattone di quelle più avanti nella depigmentazione.


Panorama da Luni sul Mignone

luni-sul-mignone-panorama-1-rcrlb

Un favoloso panorama dal sito neolitico di Luni sul Mignone, con le calde luci d’inizio-inverno. Al confine fra le province di Roma e Viterbo, ed immerso nello scenario selvaggio ed incontaminato dei Monti della Tolfa, Luni sa regalare come pochi altri luoghi sensazioni fuori dal tempo.


Paesaggio sabino a Colle Sala

Date le quote poco elevate, a dicembre le colline della Sabina Tiberina giungono all’apice per quanto riguarda le sfumature tardo-autunnali della vegetazione. Dopo tale malinconica esuberanza inizierà il lungo riposo dell’inverno. Una delle zone più belle e meno conosciute è quella di Magliano Sabina, al confine con la Provincia di Terni. Si consiglia una passeggiata lungo il crinale del Vocabolo Colle Sala: vi si si arriva dalla Via Flaminia prendendo le indicazioni per l’omonima contrada e passando prima per un’interessante “gelateria agricola”. Nella zona si trova una chiesetta rurale (moderna). Stupende le vedute sulle colline d’intorno e sui borghi di Cicignano e Chiorano.

sabina-tiberina-voc-colle-sala-vista-verso-cicignano-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-paesaggio-1-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-paesaggio-2-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-18-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-17-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-campagna-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-1-rcrlb

magliano-sabina-voc-colle-sala-paesaggio-verso-collevecchio-1-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-2-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-10-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-15-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-8-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-12-rcrlb

Mti Sabini-Voc. Colle Sala, paesaggio 9 RCRLB.JPG

magliano-sabina-voc-colle-sala-paesaggio-collinare-1-rcrlb

magliano-sabina-voc-colle-sala-paesaggio-crepuscolare-1-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-verso-chioria-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-vista-verso-chiorano-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-16-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-foliage-1-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-13-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-gregge-al-tramonto-rcrlb

magliano-sabina-voc-colle-sala-campagna-al-tramonto-rcrlb


Campagna tardo-autunnale ai piedi di Celleno Vecchio

Celleno-Campagna ai piedi del borgo 6 RCRLB.JPG

I caldi colori della campagna tardo-autunnale ai piedi del “borgo fantasma” di Celleno Vecchio. Ci troviamo nel cuore della Teverina, in un paesaggio che più volte abbiamo descritto nel nostro blog per il suo fascino romantico.


Panorama da Monteleone Sabino in autunno

Mti Sabini-Panorama da Monteleone con arcobaleno RCRLB.jpg

A cavallo fra ottobre e novembre le colline della Sabina interna si rivestono di mille sfumature grazie alla straordinaria varietà vegetazionale della zona. Oltre a ciò, è il periodo più intenso per visitare questo splendido territorio poiché ci si trova nel momento “clou” della raccolta delle olive, che da queste parti – vista l’antichissima tradizione olivicola (testimoniata dalla prima dop italiana) – assume una valenza iconica e quasi mitica. Qui siamo a Monteleone Sabino, luogo di importanti ritrovamenti archeologici come testimoniano le rovine di Trebula Mutuesca. 


Nella Selva Cimina a novembre

mti-cimini-mte-cimino-faggeta-21-rcrlb

Torniamo anche quest’anno, a novembre, nell’incantevole faggeta del Monte Cimino, presso Soriano, per godere il foliage in uno dei boschi più belli d’Italia, apice dell’antica Selva Cimina che tanto incuteva timore ai legionari romani. Anche se i colori non sono quelli del 2015, lo spettacolo e soprattutto l’atmosfera misteriosa rimangono notevoli.


Faggeta simbruina a novembre

mti-simbruini-mte-tarino-faggeta-allimbrunire-rcrlb

A novembre le faggete d’alta quota dei Monti Simbruini hanno già messo il loro vestito invernale. Mentre nei boschi misti a circa mille metri d’altitudine e nelle faggete fino a circa 1300 metri i colori si mostrano in questi giorni al massimo del proprio splendore, man mano che si sale i faggi risultano sempre più spogli. Dall’alto delle cime si può apprezzare un suggestivo colpo d’occhio su queste compatte distese “rosse”.


Campagna nella “valle segreta” di Artena

mti-lepini-valle-di-artena-campagna-3-rcrlb

Ai piedi di Artena ma invisibile dalle strade principali, si apre una delle valli agricole più suggestive dei Monti Lepini. Per arrivarci occorre divincolarsi fra una serie di viuzze asfaltate e poi sterrate che partono dalla strada principale per Colleferro. Queste colline disegnano un vero e proprio “quadro” di bucolica bellezza meritevole di tutela e valorizzazione.


Scorcio autunnale delle rovine di Monterano Vecchia

Monterano Vecchia-Scorcio delle rovine RCRLB

Uno scorcio romantico delle spettrali rovine di Monterano Vecchia. Nel tardo autunno le calde tinte cromatiche della vegetazione mista della Tuscia creano scenari incantevoli che appaiono come veri e propri “quadri”, impreziositi come in questo caso da ruderi medievali, romani od etruschi. Per saperne di più: “Lazio. I luoghi del mistero e dell’insolito”.


Castagneto a novembre sui Monti Cimini

Monti Cimini-Castagneto presso Poggio Nibbio

Lo splendore dei castagneti dei Monti Cimini a novembre: nella foto ci troviamo nella località Poggio Nibbio, in una zona che offre panorami mozzafiato. Tutta l’area dei Cimini è caratterizzata da suggestioni romantiche e luoghi misteriosi: per saperne di più si faccia riferimento alla nostra guida “Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito”.


Campagna novembrina ai piedi di Monteleone Sabino

Mti Sabini-Campagna ai piedi di Monteleone Sabino

La splendida campagna ai piedi di Monteleone Sabino. In questo periodo le colline e le vallate della Sabina esplodono con mille sfumature di colore che rendono il paesaggio magnifico. Casali in pietra si ornano non solo dei consueti pini e cipressi, ma anche dei colori struggenti degli alberi di cachi, dei melograni, dei noci, e dei ciliegi.


Ode a novembre sui Monti Cimini

Mti Cimini-Castagneto presso Pgio Nibbio RCRLB

Novembre è la metafora della vita: tanto bella quanto fugace; tanto preziosa che non bisogna perder tempo nel coglierne l’essenza. Così a novembre la natura regala spettacoli emozionanti e gratuiti di cui tutti possiamo godere ma le giornate sono cortissime e spesso, per chi come me ama camminare e fotografare, si fa una corsa contro il tempo. Novembre è mese per spiriti forti e puri, impavidi nel volersi emozionare nel profondo. E’ il momento più romantico dell’anno. Non è bucolico, radioso e gioioso come la primavera. E’ una bellezza malinconica, e rapida nel morire. Non tutti possono capirlo o amarlo. I superficiali lo odiano addirittura. Novembre è mese scomodo, è come la verità che si vuol negare: la pura bellezza nell’innocenza strugge soltanto chi sa vederla. Ed inesorabile fugge via. Carpe diem.

LB


Veduta autunnale di Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio-Veduta 12 RCRLB

Una veduta autunnale di Civita di Bagnoregio. Novembre, insieme con aprile e maggio, è il periodo più bello per visitare questo magnifico borgo, in procinto di diventare “patrimonio dell’Umanità”. Per sapere delle leggende e dei misteri di Civita di Bagnoregio si faccia riferimento alla nostra guida “Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito”.


Panorama al tramonto sul Lago di Vico

Lago di Vico-Panorama 6 RCRLB

In questi giorni i Monti Cimini regalano un magnifico spettacolo di “foliage”: particolarmente bella è la zona del Lago di Vico, con la sua faggeta depressa e i suoi castagneti. Questo è uno scorcio dallo straordinario ed ormai classico punto panoramico della pedana per parapendio, nei pressi di San Martino al Cimino.


Autunno nei boschi del Monte Cimino

Qui di seguito alcune immagini di come si presenta fra ottobre e novembre la Faggeta del Monte Cimino (che ospita per la verità anche altre specie arboree, in primis castagni): uno spettacolo magnifico da non perdere assolutamente.

Mti Cimini-Mte Cimino 9 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 6 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 10 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 7 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 13 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 12 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 17 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 8 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 14 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 16 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 11 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, massi vuclanici 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, panchina 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, foglie di castagno 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, foglie miste 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, torre della cima 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 15 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 18 RCRLB