Archivi tag: città

Roma-Tramonto da Ponte Umberto I

Roma-Tramonto da Pte 2 RCRLB

Un tramonto argenteo da Ponte Umberto I verso San Pietro, una delle più note cartoline di Roma. La “città eterna” regala sempre scene uniche.

Annunci

Il fascino della Viterbo medievale

Posta nel cuore della Penisola italiana e nota per aver ospitato il primo interminabile “conclave” nella storia della Chiesa (1268-1271), Viterbo è stranamente ancora poco frequentata dal turismo culturale. La vicinanza con Roma, che tende a mettere in secondo piano tutto ciò che si trovi nei suoi diretti dintorni, di certo pesa in modo determinante. Eppure la “Città dei Papi” offre un complesso monumentale di grande interesse, con tracce artistiche forse ritenute “minori” ma continue ed omogenee che danno un tono nobile al paesaggio urbano.

Illuminazione artistica in Piazza San Lorenzo

Straordinario è soprattutto il fascino dei suoi quartieri medievali, in particolare quello di San Pellegrino, che costituiscono un unicum in Italia per l’integrità del tessuto urbanistico e dell’edilizia civile risalenti al Duecento. Epoca, questa, che rappresentò il momento di massimo splendore nelle vicende viterbesi (la città al tempo superava per abitanti la stessa Roma, viceversa ormai in decadenza): oltre alle opere promosse dai pontefici (che vi si trasferirono per 24 anni, a partire da Alessandro IV), la città si arricchì non solo di eleganti palazzi ma anche di numerose case-torri, tuttora visibili a chi abbia la voglia di girare per il centro storico “con il naso all’in su”; innumerevoli torri spuntano pure dalla cinta muraria, che avvolge interamente la città storica.

Scorcio di Piazza San Pellegrino

Ne scaturì un’urbanistica “a riccio” che ha pochi paragoni nel nostro Paese per lo stato di conservazione, e che può quasi competere con la ben più famosa San Gimignano o con la più vicina Tarquinia. Peccato solo che nessuna delle antiche torri sia attualmente visitabile (offrirebbero di sicuro panorami meravigliosi), cosa che la dice lunga sul ritardo della città a livello di valorizzazione turistica del patrimonio storico; a ciò si aggiunge il fatto – a nostro avviso di una gravità inaudita – che il centro storico non sia stato ancora inserito nella lista del patrimonio dell’umanità Unesco, da addebitare evidentemente alla mancanza di un’adeguata volontà politica indirizzata a tal fine.

Case-torri

Tuttavia, al di là di queste considerazioni, occorre ammettere che a Viterbo un’attenta salvaguardia del patrimonio architettonico storico nei caotici anni del dopoguerra ha permesso di mantenere quel che altrimenti sarebbe stato distrutto o alterato. E’ anzi da ricordare che una parte di quel che oggi ammiriamo è stato addirittura ricostruito dopo i danni dell’ultimo conflitto mondiale, secondo il concetto di “dov’era e com’era”, segno di un senso civico e di un profondo attaccamento alla propria città e alle proprie radici da parte dei Viterbesi (come testimonia anche l’evento della Macchina di Santa Rosa) di cui si parla poco: sentimenti che rischiano di non essere tramandati se non ci si sofferma mai a sottolinearne gli effetti positivi, come appunto l’averci lasciato un patrimonio storico, artistico, culturale ed estetico di inestimabile valore.

Lampione con piccione e rampicante

Ad ogni modo, fuori da una facile espressione retorica, perdendosi nel cuore della Viterbo medievale si ha la sensazione di un autentico “tuffo” nel Medioevo, perché spesso le case, i vicoli e i palazzetti sono rimasti più o meno gli stessi, con i tipici profferli viterbesi che salgono al primo piano delle abitazioni formando talora lunghe balconate squisitamente scolpite dagli antichi mastri scalpellini locali. E poi le numerose piazze, vera peculiarità di Viterbo, come l’ampia e scenografica Piazza di San Lorenzo col merletto gotico della loggetta papale, la più raccolta Piazza del Gesù (cuore della città due-trecentesca), la quieta e alberata Piazza della Morte ed infine l’indimenticabile scenario quasi “cinematografico” di Piazza San Pellegrino (per averne una completa visione occorre salire all’apice del sagrato della chiesetta), che costituiscono, tutte, spazi urbani di eccezionale pregio giunti a noi praticamente immutati.

Piazza San Lorenzo

Piazze quasi sempre accompagnate a fontane, perché Viterbo fu una delle prime città del Medioevo europeo a fornire acqua pubblica ai propri abitanti. Sono tutte diverse ed è piacevole fermarsi ad osservarne i particolari, fra i quali non manca mai il leone, simbolo di Viterbo. Poi il suono dolce dell’acqua invita al riposo: magari a leggere un buon libro, o più prosaicamente a prendersi un té, un caffé o un aperitivo, comodamente seduti con lo sguardo rapito verso una torre o verso la fontana stessa o, d’inverno, alla ricerca del sole che filtra fra i freddi palazzi di peperino.

Fontana in Piazza del Gesù

Ma a Viterbo, se si vuole, si cammina molto. Città perfetta per il trekking urbano, perché i saliscendi sono continui e il centro storico inaspettatamente vasto. Da non perdere la panoramica traversata da San Pellegrino al quartiere di Pianoscarano (altro gioiello di urbanistica medievale, sebbene purtroppo assai malandato e in via di lento recupero), che permette di comprendere la complicata orografia della città, formata da colli e vallette interne.

Loggia dei Papi

Le chiese di Viterbo, dal canto loro, per lo più di aspetto romanico o gotico, spoglie e grigie di peperino, rispecchiano fedelmente il carattere di spiccata austerità dugentesca: da non perdere Santa Maria della Verità, San Francesco, Santa Maria Nuova, San Sisto, San Giovanni in Zoccoli e il Duomo. Spesso vi si affiancano chiostri che paiono trascinare fuori dal mondo, spingendo alla meditazione, oppure vi si nascondono cripte pregne di spiritualità e mistero.

Chiesa di Santa Maria Nuova

Le aggiunte quattro-cinquecentesche invece, donano al tessuto prevalentemente medievale quell’eleganza stilistica propria della Tuscia farnesiana che si ammira in Piazza del Plebiscito con il porticato Palazzo dei Priori, sede del Comune, mentre l’altissima Torre Civica sancisce la fusione armoniosa fra Età di Mezzo e Rinascimento.  Da qui l’itinerario prosegue per le vie dello shopping mostrando altre testimonianze urbanistiche e architettoniche pregevoli come Piazza delle Erbe, la stupenda Casa Poscia (che la tradizione vuole dimora della”Bella Galiana”, personaggio leggendario viterbese), fino a Piazza Fontana Grande, che, come si evince da nome, sfoggia una monumentale e magnifica fontana, pure risalente al XIII secolo: essa, insieme alle altre, contribuì al mito di “Viterbo città delle belle donne e delle belle fontane”.

Torre civica

Anche l’atmosfera generale, più “reale” e “vissuta” rispetto a molte cittadine medievali toscane ed umbre (che l’assalto turistico sta trasformando in “Disneyland della cultura”, in testa San Gimignano ed Assisi), contribuisce a far immergere il visitatore in un ambiente “diverso”, pacato ed austero, spesso addirittura solitario in pieno giorno, che non ci si aspetterebbe oggi da una città dalle caratteristiche simili. Vi si trovano botteghe di artigiani, artisti ed antiquari e sempre più rivendite di prodotti tipici, ma niente cinghiali imbalsamati con gli occhiali da sole, negozi di chincaglierie, bottiglie di vino ed olio “tipici” (di scarsissima qualità) da souvenir.

Palazzo degli Alessandri e torri medievali

Viterbo è infatti incredibilmente fuori da qualsiasi flusso di massa (e quindi esente da usi turistici banalizzanti) ma non crediamo che rimarrà sconosciuta a lungo. Sempre più visitatori, anche e soprattutto dall’estero, giungono nel capoluogo della Tuscia attratti da questo spirito di “riscoperta” e ciò potrebbe portare finalmente la città ad una nuova fase di prestigio. E ce n’è bisogno, perché il patrimonio edilizio è vasto e fragile, e senza investimenti finalizzati a restaurarlo esso cadrà facilmente a pezzi: le cattive condizioni di Pianoscarano e dei quartieri minori ne sono un monito.

Palazzo Farnese, bifora

Ma terminiamo la nostra passeggiata. Al tramonto le piazze viterbesi diventano ombrose e le stradine laterali che scendono o salgono dalle vie principali hanno qualcosa di misterioso e inconsueto, come se percorrendole ci fosse già la promessa di una qualche emozionante sorpresa. Dai profferli, dalle finestre e dai balconi sembra che ad un tratto possano affacciarsi i volti visti nella Cappella Mazzatosta della Chiesa di Santa Maria della Verità. Suonano le campane delle tante chiese, le rondini svettano veloci mentre i piccioni fanno capolino sui coppi delle vecchie case. Il peperino emana odori particolari, che sanno di antico, e il crepuscolo lo indora, laddove la luce arriva, cangiandone il colore da grigio cenere in marrone vivo. Su tutto, poi, d’improvviso, si getta il silenzio.

Piazza San Pellegrino

E solo in quel momento ci si accorge di quanto sia vivo il legame con l’enigmatico mondo etrusco, di come il Medioevo qui non abbia negato la civiltà più remota. Così le cose appaiono di colpo più piccole, le tenebre si insinuano ovunque, i portali e gli archetti prendono le sembianze di grotte e cunicoli. La città medievale si tramuta inaspettatamente in una specie di necropoli: e probabilmente, sotto le case i tunnel e le cantine sono etruschi. La fantasia allora prende il sopravvento e il Duecento magico di Viterbo ci permette di chiudere gli occhi e di tornare a sognare un mondo sospeso ove l’immaginabile è possibile.


Borghi e paesaggi “segreti” della Ciociaria (parte 2: da Frosinone ad Aquino)

Dopo la prima parte dedicata alla porzione settentrionale della Provincia di Frosinone, andremo ora ad attraversare il cuore del sistema collinare ciociaro, un territorio per lo più sconosciuto al resto della regione e – fatte poche eccezioni – ancora totalmente estraneo a qualsiasi flusso turistico, anche di nicchia, e ciò nonostante la presenza di piccoli gioielli storico-artistici ed urbanistici. Lo stesso paesaggio agrario, pur aggredito da una proliferazione edilizia spesso disordinata e di infimo livello, conserva nel complesso un’atmosfera amena e piacevole: gli uliveti, le piccole vigne, i pascoli e i campi di grano, i muretti a secco, le stradine bianche e le siepi, la miriade di case e villaggi sparsi sui crinali, sono tutti elementi che formano la più rappresentativa immagine del paesaggio ciociaro attuale.

Colline ciociare da Arnara

I tanti borghi, arroccati come presepi sulle cime di scoscesi colli, si presentano colmi di interesse e, seppure talvolta in via di forte spopolamento, mantengono la semplicità della “vita di paese” di un tempo. Anche i prodotti agricoli della zona meriterebbero una reale valorizzazione, ma da questo punto di vista c’è ancora molto da fare: vale la pena comunque curiosare nelle piccole alimentari, alla ricerca di insaccati e carni (in particolare mortadella e porchetta), olio, vini, formaggi e pane locali di ottima qualità.

Arnara-Panorama verso Pofi

Da Frosinone ci si dirige verso Arnara con la Via Variante Casilina, che presto scorre fra i campi lasciandosi alle spalle il trafficato capoluogo. Man mano che ci avviciniamo spicca sempre più il caratteristico profilo merlato della torre-serbatoio (costruita in stile “medievaleggiante”) che affianca la rocca, la cui struttura originaria, appartenuta ai Conti di Ceccano e ai Colonna, è ormai quasi del tutto in rovina.

Arnara-Rocca

Arrivati, ecco una sorpresa: il tufo rossastro di alcune case e dello stesso maniero tradisce la presenza di un antichissimo apparato vulcanico e rende questo borgo curiosamente simile a quelli della Tuscia. Camminando per il borgo si nota purtroppo come esso sia ormai molto disabitato: peccato, perché meriterebbe una maggiore considerazione, ricco com’è di vicoli suggestivi e di ampie vedute su un dolce paesaggio fra i più intatti della provincia.

Vicolo di Arnara

Da Arnara si va a Pofi per una tranquilla stradina campestre. Il paese, noto per la produzione di fiori e per il ritrovamento nei suoi paraggi dei resti ben conservati di un uomo preistorico (battezzato “uomo di Pofi” o “uomo di Ceprano”, il più antico uomo fossile italiano), appare disteso elegantemente su un colle e dominato da un possente palazzo-castello appartenuto ai Colonna.

Pofi-Castello Colonna

Come ad Arnara, la pietra degli edifici di Pofi è d’origine ignea (seppure qui di colore scuro), ciò che distingue entrambi i paesi dagli altri centri storici ciociari, in cui prevale largamente il calcare. Anche qui troviamo pochi abitanti e poche attività commerciali e ricettive, ma possiamo godere scorci architettonici interessanti e bei panorami sulla campagna circostante. A pochi passi dal paese è inoltre la pittoresca Chiesa di Sant’Antonino, in stile romanico.

Pofi-Arco e orologio

Dopo Pofi ci si sposta nettamente verso Est in vista degli Appennini, lungo una strada che, oltrepassata Ripi, si snoda tra assolati uliveti ed verdi colline.

Pofi-Panorama

Si raggiunge così Boville Ernica, che svetta circondata di mura medievali in cima ad un aspro ed irto monticello, dal quale la vista spazia a 360° su buona parte della Ciociaria.

Boville Ernica-Porta turrita

Si parcheggia nei pressi di un vecchio fontanile e ci si avvicina al belvedere: davvero stupendo lo sguardo sulla grande vallata che si allarga ad Ovest con lo sfondo dell’anti-appennino laziale, con il suo “mare” di colli coltivati e punteggiati da case e piccoli villaggi contadini.

Boville Ernica-Panorama

Varcata una delle porte fortificate del borgo, uno dei più graziosi della Ciociaria, si entra in un ambiente urbano variegato come stili e ristrutturazioni, che recentemente sta usufruendo di un generale recupero, anche grazie al suo inserimento nel club dei “Borghi più belli d’Italia”: riconoscimento, quest’ultimo, di cui ha beneficiato pure la vicina Monte San Giovanni Campano, prossima tappa del nostro itinerario.

Panorama da Monte San Giovanni Campano

Il paese è legato alle memorie di San Tommaso d’Aquino che ivi venne rinchiuso nel castello dai suoi stessi genitori, i quali – com’è noto – non accettavano la sua vocazione sacerdotale.

Monte San Giovanni Campano-Castello

Si tratta di un centro storico di elevato pregio architettonico, con molte case ben restaurate: splendidi gli scorci panoramici, simili a quelli di Boville, sulle vallette d’intorno.  Da Monte San Giovanni Campano (è possibile anche passare per Isola Liri con la sua celebre cascata) si continua per Arpino, bella cittadina d’arte insignita della “bandiera arancione” del Touring Club Italiano, che fu patria di svariati personaggi storici fra cui Marco Tullio Cicerone.

Panorama da Arpino

La nostra meta è però la piccola frazione della Civita Vecchia, uno dei borghi più spettacolari del Lazio a livello urbanistico per il fatto di essere cinto per intero da mura poligonali d’epoca pre-romana assai ben conservate, il tutto immerso in un dolce paesaggio rurale che dà risalto alla poderosa cortina “megalitica”, su cui si innalza la cosiddetta “Torre di Cicerone”.

Scorcio della Civita Vecchia

Dalle mura si apre uno straordinario arco “a sesto acuto”, che per la sua perfezione architettonica e formale rappresenta uno dei più importanti monumenti della nostra regione e non solo.

Civita Vecchia, mura poligonali, porta

La passeggiata nel borgo, piuttosto curato e in via di recupero, è forse l’”apice emozionale” di tutto il nostro itinerario: al viaggiatore sensibile non sfugge il senso “sacrale” di questo luogo, che fu l’antichissimo nucleo originario, fondato dai Volsci, della romana Arpinum.

Civita Vecchia, vicolo

Magnifici ed amplissimi sono i panorami sulle colline e le montagne ciociare, con tramonti che regalano immagini indimenticabili e con una veduta a volo d’uccello della stessa Arpino con il suo uniforme amalgama di tetti in coppi, una delle più eccezionali “cartoline” della Ciociaria. Unica nota stonata lo sviluppo edilizio deturpante ai piedi della città, che rischia di compromettere la delicata armonia fra edificato e ambiente naturale.

Arpino-Veduta dalla Civita Vecchia

Visitata la Civita Vecchia, che da sola vale il viaggio, si continua verso sud attraverso una strada interna piena di curve che tocca numerose minuscole frazioni rurali spesso nemmeno segnate sulle cartine. Si passa poi ai piedi di Fontana Liri Superiore, Arce (da vedere la Chiesa di San Pietro e Paolo) e Rocca d’Arce (eccezionale punto panoramico). Infine si sbuca nella Piana del Melfa ove, oltrepassata l’autostrada, si raggiunge Aquino, la romana Aquinum, che, malgrado l’iniziale impatto anonimo della parte moderna, regala inaspettatamente un delizioso borgo medievale dominato da una torre duecentesca, oggi risistemata e aperta al pubblico.

Aquino-Scorcio del borgo

In una piazzetta si eleva il bel palazzetto in cui probabilmente visse il giovane San Tommaso (detta appunto “Casa di San Tommaso”). Di grande interesse sono inoltre l’area archeologica ai piedi del paese, purtroppo disturbata dal viadotto autostradale, e la poco discosta Chiesa della Madonna della Libera, di forme romaniche ed ornata da cipressi, che incanta il visitatore dall’alto di una scalinata; sul suo sagrato e sulle sue sue pareti si vedono numerosi simboli riconducibili ai Templari.

Aquino-Chiesa della Madonna della Libera

Ad Aquino ha termine la seconda parte del nostro percorso turistico-automobilistico alla scoperta della “Ciociaria segreta”, la cui terza parte prenderà le mosse dalla vicina Roccasecca, dall’altra parte dell’A1.

APPUNTI DI VIAGGIO

Tempo stimato:

2-3 giorni

Periodo migliore:

ottobre-novembre-dicembre e aprile-maggio-giugno per i colori della campagna