Archivi tag: faggeta

Faggio secolare alle pendici del Monte Gennaro

Mti Lucretili-Mte Gennaro, Valle Cavallera 1 RCRLB.JPG

Un annoso faggio con i suoi rami contorti, quasi a formare una creatura uscita da una fiaba. E’ un’immagine ricorrente nell’ombrosa Valle Cavallera, alle pendici del Monte Gennaro, nel Parco Regionale dei Monti Lucretili: immagini di montagna e d’incanto “a balcone” su Roma e la sua Campagna.


L’inverno pian piano se ne va sui Monti Lepini

Mti Lepini-Altopiano del Lontro 1 RCRLB.jpg

A monte del paese di Gorga, nel versante ciociaro dei Lepini, si estende una vasta zona di altopiani bellissimi utilizzati per il pascolo brado. Una delle caratteristiche principali è la presenza di numerosi recinti in pietra a secco che donano al paesaggio un aspetto molto suggestivo. L’escursione può terminare sul Piano del Lontro, ove sono diverse case di pastori. Interessante a marzo il fatto che ci siano alcuni bei ruscelli formati dal disgelo: del resto ci troviamo in una delle zone più ricche di acqua dei Lepini, altrove rara.


Monte Viglio con le prime nevi invernali

mti-simbruini-mte-viglio-veduta-4-rcrlb

Il Monte Viglio con le prime nevi della stagione. Amato e assai frequentato dagli escursionisti romani, il Viglio è, con i suoi 2156 m. s.l.m, la vetta principale dei Monti Simbruini, nel cuore della faggeta più grande d’Europa.


Nella Selva Cimina a novembre

mti-cimini-mte-cimino-faggeta-21-rcrlb

Torniamo anche quest’anno, a novembre, nell’incantevole faggeta del Monte Cimino, presso Soriano, per godere il foliage in uno dei boschi più belli d’Italia, apice dell’antica Selva Cimina che tanto incuteva timore ai legionari romani. Anche se i colori non sono quelli del 2015, lo spettacolo e soprattutto l’atmosfera misteriosa rimangono notevoli.


Faggeta simbruina a novembre

mti-simbruini-mte-tarino-faggeta-allimbrunire-rcrlb

A novembre le faggete d’alta quota dei Monti Simbruini hanno già messo il loro vestito invernale. Mentre nei boschi misti a circa mille metri d’altitudine e nelle faggete fino a circa 1300 metri i colori si mostrano in questi giorni al massimo del proprio splendore, man mano che si sale i faggi risultano sempre più spogli. Dall’alto delle cime si può apprezzare un suggestivo colpo d’occhio su queste compatte distese “rosse”.


Autunno nei boschi del Monte Cimino

Qui di seguito alcune immagini di come si presenta fra ottobre e novembre la Faggeta del Monte Cimino (che ospita per la verità anche altre specie arboree, in primis castagni): uno spettacolo magnifico da non perdere assolutamente.

Mti Cimini-Mte Cimino 9 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 6 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 10 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 7 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 13 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 12 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 17 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 8 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 14 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 16 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 11 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, massi vuclanici 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, panchina 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, foglie di castagno 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, foglie miste 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino, torre della cima 1 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 15 RCRLB

Mti Cimini-Mte Cimino 18 RCRLB


Faggeta simbruina presso Fonte Moscosa

Faggeta presso Fonte Moscosa

Le faggete dei Monti Simbruini, nell’Alta Valle dell’Aniene, possiedono un grande fascino. Fitte e maestose, costituiscono, assieme a quelle dei contigui Ernici, una delle aree di faggio più estese d’Europa. In autunno si può ammirare il magnifico foliage delle foreste dei Simbruini, arricchito anche dalla presenza di aceri e carpini.


Faggeta sui Monti Lepini presso il Monte Erdigheta

Bosco presso Pian della Faggeta

E’ poco noto ma il Lazio è terra di vaste foreste, soprattutto faggete e leccete. Qui siamo sui Monti Lepini a poca distanza dall’altopiano carsico di Pian della Faggeta, ove monumentali boschi di faggio danno vita a paesaggi misteriosi e affascinanti.