Archivi tag: ferentino

Acropoli romana di Ferentino

Le rovine dell’Acropoli romana di Ferentino, risalente al II secolo a. C..


Svastiche nel Duomo di Ferentino

Oggi consideriamo la svastica un emblema nazista ma in realtà si tratta di un simbolo antichissimo con un significato del tutto positivo, attinente al bene e al sole, mantenutosi nella cultura cristiana. Eccolo campeggiare sul soffitto del Duomo dei Santi Giovanni e Paolo a Ferentino.


Ferentino-Chiesa di Santa Maria Maggiore, particolare scultoreo

Ferentino-Chiesa di S. Maria Maggiore, particolare 1 RCRDC.jpg

Le città d’arte della Ciociaria sono un serbatoio infinito per lo studioso o il semplice appassionato di architettura. Spesso inoltre appaiono dettagli o veri e propri simboli, volti a formare un complesso percorso di “iconografia magica” che più volte abbiamo affrontato sia nella guida “Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito” sia nel nostro blog. Molti dei monumenti di questa terra appaiono infatti collegati dal recupero e della conservazione di un’antica sapienza: si è parlato spesso di Pelasgi e di Ciclopi nonché di Templari, ma non mancano rimandi a figure “mitiche” del Medioevo italiano ed europeo come Federico II di Svevia. Ferentino è sicuramente uno dei centri più sorprendenti della Ciociaria: la piccola scultura della foto è presa dalla facciata della splendida Chiesa di Santa Maria Maggiore, del XIII secolo, in stile gotico cistercense.


“Porta Sanguinaria” a Ferentino

ferentino-porta-sanguinaria-rcrlb

Aperta sulle poderose mura ciclopiche di Ferentino, nel cuore della Ciociaria, la famosa “Porta Sanguinaria” mostra chiaramente i segni delle sue diverse fasi storiche, dal IV secolo a. C. sino all’epoca medievale. L’origine del nome è tuttora incerta, ma si suppone derivi da alcuni episodi cruenti accaduti ai tempi delle antiche guerre fra la Lega Ernica e Roma, oppure dal fatto che probabilmente da qui transitavano i condannati a morte prima di essere giustiziati. Per sapere di più sulle leggende e i misteri di Ferentino: “Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito”.