Archivi tag: monteleone sabino

Santa Vittoria, lungo il Cammino di Francesco

Il tratto Rieti-Roma è senza dubbio il meno frequentato del Cammino di Francesco. Pesano senza dubbio la scarsa conoscenza del territorio attraversato, la Sabina, e la mancanza di marketing, nonché i pregiudizi esistenti in molti sulle difficoltà che normalmente si incontrano nell’avvicinamento ad una metropoli. Eppure pochi sanno che il territorio a nord di Roma è tutt’oggi straordinariamente integro e fruibile soprattutto allontanandoci dalle strade principali e trafficate. Già sazi della meravigliosa Valle Santa, da Rieti, proseguendo verso sud, si attraversa il suggestivo paesaggio della Bassa Sabina con i suoi scorci bucolici che spesso sembrano riportare al Medioevo, fra boschi e ruscelli, immensi uliveti, pievi, monasteri e antichi ruderi, castelli e piccoli borghi arroccati. Si incontrano luoghi di grande spiritualità e bellezza, come ad esempio la Chiesa di Santa Vittoria presso Monteleone (nella foto) che lasciano senza parole i camminatori. Un percorso assolutamente da rivalutare.

Annunci

Panorama da Monteleone Sabino in autunno

Mti Sabini-Panorama da Monteleone con arcobaleno RCRLB.jpg

A cavallo fra ottobre e novembre le colline della Sabina interna si rivestono di mille sfumature grazie alla straordinaria varietà vegetazionale della zona. Oltre a ciò, è il periodo più intenso per visitare questo splendido territorio poiché ci si trova nel momento “clou” della raccolta delle olive, che da queste parti – vista l’antichissima tradizione olivicola (testimoniata dalla prima dop italiana) – assume una valenza iconica e quasi mitica. Qui siamo a Monteleone Sabino, luogo di importanti ritrovamenti archeologici come testimoniano le rovine di Trebula Mutuesca. 


Campagna novembrina ai piedi di Monteleone Sabino

Mti Sabini-Campagna ai piedi di Monteleone Sabino

La splendida campagna ai piedi di Monteleone Sabino. In questo periodo le colline e le vallate della Sabina esplodono con mille sfumature di colore che rendono il paesaggio magnifico. Casali in pietra si ornano non solo dei consueti pini e cipressi, ma anche dei colori struggenti degli alberi di cachi, dei melograni, dei noci, e dei ciliegi.