Archivi tag: speculazione energetica

Scorci di Maremma che scompare

Si chiude un altro anno e la speranza è che si chiuda anche questa lunga e drammatica stagione – che dura da troppo tempo – di aggressione e distruzione, a causa della speculazione energetica, di uno dei territori più belli e affascinanti del Lazio: la Maremma Viterbese. Qui ci troviamo non lontano da Tuscania, in direzione di Montalto, ove alcuni panoramici crinali – in primis quello del Formicone – donano panorami mozzafiato sul paesaggio dell’Etruria interna.


Nella campagna di Genazzano

Sono molti gli angoli dell’Alta Valle del Sacco che hanno conservato aspetti di autentica ruralità, che rimandano – qui più che altrove – alle suggestioni antiche della Campagna Romana, con i suoi misteri e le sue leggende. Purtroppo anche qui – come ovunque nel Lazio – la speculazione energetica sembra essersi insediata con la sua consueta prepotenza, grazie ad una gestione del territorio, da parte della Regione, attualmente abominevole, fra le peggiori di tutti i tempi. Forse è sfuggito ai nostri “bravi amministratori” (o sarebbe meglio dire “amminestratori”?) che il suolo è un bene collettivo non riproducibile e che il paesaggio è tutelato dalla Costituzione (e da una serie di altri documenti regionali, nazionali ed europei…). Ma si sa, parlare di Costituzione oggi è roba da “complottisti”… Almeno che dai vertici della Regione si smetta di parlare di tutela dell’ambiente, di valorizzazione del territorio e di turismo culturale: si manterrebbe un granello di decenza.


Una perla di saggezza a Sant’Angelo

Girovagando fra gli ormai affollati murales di Sant’Angelo di Roccalvecce, ci ha colpito questo dettaglio: un pensiero profondo che una mano gentile ha voluto porre su una rosa. Quanta verità in queste parole! E quanto attuali, in un momento in cui la Tuscia rischia di essere travolta e distrutta da una valanga di scandalosi impianti energetici, autorizzati dalla Regione in favore esclusivamente delle lobby industriali e a sfavore dei beni comuni e quindi della collettività, in barba alle leggi e alle norme vigenti sulla tutela del territorio. Tutto all’insaputa della popolazione, ovvio. L’esatto contrario del “buon governo”! Anzi occorrerebbe dire ben di peggio… Ma la verità, oggi più che mai, non è concessa. Confidiamo in chi farà rispettare la Legge.