Archivi tag: via flaminia

Paesaggio sabino nella Valle del Tevere

Valle del Tevere-Paesaggio con Mte Soratte presso Collevecchio 1 RCRLB.JPG

Il magnifico paesaggio rurale della Sabina Tiberina dalla splendida strada tra la Flaminia, il bivio per Collevecchio, Borgo Nuovo e Santa Maria in Vescovio. E’ dominato da vicino dalla mole inconfondibile del Monte Soratte, luogo di misteri e leggende

Annunci

La “Giornata del Cammino Possibile” 2016

Domenica scorsa, 9 ottobre, abbiamo partecipato su invito dell’amico Luigi Plos alla manifestazione “Cammino Possibile”, organizzata dalla FederTrek con il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma. L’obiettivo di questa splendida iniziativa, che si ripete ogni anno con crescente successo, era quello di avvicinare alla natura il più ampio numero di persone (fra cui anche disabili, anziani e bambini) e allo stesso tempo quello di promuovere la “cultura del camminare”. Camminare è infatti un “gesto” tanto semplice e naturale quanto sempre più raro nelle nostre congestionate città e nella vita contemporanea che spinge sempre più a restare al chiuso (casa, ufficio, automobile, centro commerciale, ecc…).

E’ stato dunque proposto un facile anello nella Valle del Fosso dell’Acquaforte a poca distanza dalla periferia di Castelnuovo di Porto e dalla Flaminia, lungo i confini orientali del Parco Regionale di Veio. Si tratta di uno scenario dagli spazi sorprendentemente vasti e selvaggi, a tratti idilliaco, che preannuncia la Tuscia “classica” e che ricorda i dipinti dei vedutisti sette-ottocenteschi della Campagna Romana: un paesaggio ancora poco conosciuto nonostante l’estrema vicinanza con Roma, di cui, sui punti più panoramici del percorso, guardando verso sud, si intravedono già i primi palazzi all’orizzonte. Luigi Plos, nell’ambito del suo straordinario lavoro di ricerca e di riscoperta del territorio intorno alla Capitale (che ha dato alla luce l’imperdibile e-book “Luoghi segreti a due passi da Roma”), ha dedicato ampio spazio a questa zona in virtù del suo notevole valore archeologico ed ambientale (cascate, grotte, siti storici di epoca etrusca e medievale) e perciò, come membro della FederTrek, ha proposto tale meta per la “Giornata del Camminare 2016”

Riportiamo qui di seguito alcune immagini che da un lato testimoniano la grande partecipazione all’evento nonostante le previsioni meteo incerte, e dall’altro la bellezza dell’itinerario percorso, con l’invito ai nostri lettori ad informarsi delle prossime gite organizzate dalla FederTrek.

valle-del-fosso-dellacquaforte-grotta-con-capre-1-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-gruppo-cammino-possibile-1-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-gruppo-cammino-possibile-6-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-gruppo-cammino-possibile-2-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-paesaggio-2-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-paesaggio-1-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-gruppo-cammino-possibile-3-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-paesaggio-con-mte-soratte-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-gruppo-cammino-possibile-5-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-pascolo-1-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-segnavia-del-parco-di-veio-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-macrolepiota-procera-rcrlb

valle-del-fosso-dellacquaforte-gruppo-cammino-possibile-4-rcrlb


Attraverso l’Agro di Vejo lungo la “Strada dei Parchi”

Dopo la strada fra Sant’Oreste e Ponzano Romano, torniamo sulle colline immediatamente a nord della Capitale per scoprire un altro itinerario di grande fascino. Tramite la Via Cassia Bis in pochi minuti si giunge a Campagnano Romano, uno dei paesi più sottovalutati della Provincia di Roma benché colmo di interesse architettonico. Da qui ci si inoltra lungo SP 14/a nella porzione più meridionale dell’Agro Falisco, tutelata dal Parco Regionale di Veio: siamo su una delle cosiddette “Strade dei Parchi” e dopo pochi chilometri il nastro d’asfalto inizia a correre solitario e tranquillo in aperta campagna, fra boschi e coltivi ed aperture panoramiche sempre più ampie. Arrivati a un bivio si può proseguire verso Morlupo e la Flaminia attraverso il “cuore” dell’area protetta; noi però continuiamo per Magliano Romano sulla SP 18/b fino a sbucare sulla strada che collega Calcata e Flaminia, ormai in Provincia di Viterbo. In ogni caso si può godere uno dei paesaggi più suggestivi del Lazio, che ha mantenute quasi inalterate le caratteristiche della Campagna Romana decantata dai viaggiatori del Grand Tour: vasti e ininterrotti spazi “orizzontali” la cui apparente “immobilità” è rotta soltanto da greggi di ovini e da bovini dalle grandi corna. Il fotografo o il semplice viaggiatore potrà quindi avvalersi di un ambiente assai poco trafficato in uno scenario “alla Corot”, davvero per intenditori, tanto bello quanto tuttora pressoché sconosciuto nonostante il prestigio artistico di cui godette fra Sette e Ottocento.

Campagnano Romano-Piazza, scorcio 1 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 5B RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 11 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 6 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 10 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 3 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 1 RCRLB

Agro Veientano-Pascolo presso Magliano Romano RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 4 RCRLB

Agro Veientano-Campagna presso Magliano Romano 1 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 8 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 12 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 9 RCRLB

Calcata-Veduta 6 RCRLB


Veduta del Castello di Rocchette di Gallese

Castello di Rocchette-Veduta 1 RCRLB

Il suggestivo borgo-castello di Rocchette di Gallese, circondato dallo stupendo scenario della campagna sabina, a poca distanza dalla Via Flaminia all’altezza di Magliano Sabina, costituisce una  curiosa anomalia amministrativa e paesaggistica che pochi conoscono. Il minuscolo villaggio, di proprietà privata e purtroppo non visitabile, è infatti una vera e propria “enclave” viterbese in Provincia di Rieti: anche se si trova geograficamente nella Sabina Tiberina, appartiene al Comune di Gallese, da cui dista 15 km. Lo stesso tipo di insediamento, con le case che paiono emergere naturalmente dalla rupe di tufo, rimanda ai paesi della Tuscia e non a quelli della Sabina, costruiti invece col grigio calcare.


Torre Busson presso Rignano Flaminio

Rignano Flaminio-Torre Busson RCRLB

Una veduta della misteriosa Torre Busson, situata nei pressi di Rignano Flaminio. Risalente forse al X secolo e nota anche come Castello di Morolo, le sue rovine dominano una zona di elevato pregio ambientale, fra le più solitarie della Campagna Romana, raggiungibile in breve dalla Via Flaminia.