Archivi tag: grand tour

Tivoli-Tempio della Sibilla

Tivoli-Tempio della Sibilla 1 RCRLB.JPG

Tivoli è uno dei luoghi “mitici” del Lazio. Nel periodo del Grand Tour, fra Settecento ed Ottocento, la cittadina ospitò alcuni fra i più grandi artisti, scrittori ed intellettuali del mondo, affascinati dall’incomparabile paesaggio tiburtino: Tivoli divenne addirittura una delle icone del vedutismo e uno dei soggetti più ritratti in assoluto. Oggi purtroppo le cose sono molto cambiate da allora: Tivoli continua ad attrarre per le sue magnifiche ville (Adriana, d’Este e Gregoriana) ma il suo paesaggio e lo stesso abitato storico hanno subito più che altrove le ingiurie della speculazione edilizia feroce e spietata della seconda metà del Novecento. Si conservano tuttavia scorci di somma bellezza, che tutt’oggi incantano il visitatore, come quello nella foto in cui i ruderi della classicità convivono armoniosamente con le case medievali e rinascimentali e con una natura aspra e selvaggia.

Annunci

Villa Falconieri a Frascati

Frascati-Villa Falconieri, facciata 1 RCRLB.JPG

Villa Falconieri è una delle più belle residenze aristocratiche di Frascati. Di origine cinquecentesca, al suo progetto lavorarono diversi architetti fra cui Antonio da Sangallo il Giovane e successivamente Francesco Borromini. La villa, situata su una collina a poca distanza dal centro abitato, offre una straordinaria vista su Roma e sul territorio circostante e custodisce magnifiche sale affrescate. Fu cara a numerosi viaggiatori illustri del Grand Tour ed è oggi sede dell’Accademia Vivarium Novum a cui va il nostro ringraziamento per averci offerto una splendida visita guidata.


Il Triangolo Barberini

Triangolo di Palestrina ARPC

Una stupenda foto del nostro collaboratore esterno Paolo Cilia che ritrae il cosiddetto “Triangolo Barberini”, il misterioso edificio alle porte di Palestrina. Si tratta del casino di caccia che i Barberini vollero nel feudo prenestino, con diversi corpi di fabbrica per assolvere i molteplici usi – residenziale, agricolo – con anche una piccola chiesetta dedicata a San Filippo Neri e, nel centro, fulcro del giardino esagonale, il famoso Triangolo: un unicum architettonico.


The lost castles of Tuscia

The way starts from Rome and it leads to Tolfa, following a solitary road crossing a breath-taking landscape through the savage Tolfa Mountains filled with medieval and Etruscan remains concealed and submerged by bushes and trees, forgotten by everybody. Here, time seems suspended  and the landscape is crossed by strong horses and long bowed horns cows, browsing the meadows disseminated by numberless stones thus giving movement to and almost immobile scene. While visiting Tolfa, don’t forget to reach the Rocca Frangipane, probably of Longobardian origins, from where you have a wonderful view of the surrounding landscape.

Tolfa-Rocca Frangipane 1 RCRLB

Tolfa-Scorcio sui tetti 1 RCRLB

From Tolfa, two are the possible deviations, both leading to Tuscania, which we’ll meet on the way. The first road takes the tourists to the sea driving along a wonderful landscape through Allumiere, the rural hamlet of Farnesiana and the remains of Cencelle, fortress-town abandoned in the middle of a wide plain and identified by ruined towers, easily visible from far.

Cencelle-Rovine 10 RCRLB

The road enters the Via Aurelia which leads to Tarquinia, rich in medieval monuments and with a Unesco patronage Etruscan necropolis. After a careful visit to this interesting area – a real must  – the tour continues along the Via Tarquiniense, direction Tuscania, crossing green meadows and wheat spaces and reaches the ancient farm of Montebello (on the right), the castles of Ancarano and Pian Fasciano (one in front of the other) dominating river Marta flowing through a savage and sometimes concealed valley. As an alternative, from Tuscania it is possible to reach the Roccaccia di Respampani driving along Via Cassia. The Roccaccia di Respampani is worth a short stop for its interesting structure and landscape (flyfishing addicts may have a try in the attactive –and not so easy – water of Biedano River, flowing deep in the valley, in the “middle of nowhere”…). The alternative trip from Tolfa leads to Canale Monterano and to the deviation to Manziana, on Via Claudia-Braccianese. Very suggestive is the Ghost town of Monterano Vecchia, with the ruins of Ruspoli Palace, that reminds of the pictures of Grand Tour.

Monterano Vecchia-Palazzo Ruspoli, scorcio RCRLB

Monterano Vecchia-Palazzo Ruspoli, panorama 1 RCRLB

Once crossed Oriolo Romano (“ideal hamlet” of XVII century) with its beautiful Altieri Palace the tourist enters the province of Viterbo and reaches Blera after some chilometers. Blera is of Etruscan origins and is rich in remains of Villanova, Etruscan, Roman and Medieval eras. The Regional Marturanum Park is one of the best examples of cohabitation of nature and remains of the ancient times. It belongs to the municipality of Barbarano (another wonderful fortified hamlet really worth a visit). The park offers the nature lovers all the best they desire to spend peaceful days in full contact with the environment. From Blera, the tourist will follow the way to the small village of Civitella Cesi and, short before reaching it, the San Giovenale Castle and its archeological area, delimited by a steep overhanging the Valley of river Vesca.

S. Giovenale-Castello, scorcio 2 RCRLB

From Blera, the Via Cassia takes to Viterbo crossing the interesting area of Castel d’Asso, a medieval hamlet built on an Etruscan previous village with tombs and inscriptions of this ancient people.

Castel d'Asso-Porta e Torre del Rivellino 1 RID

Castel d'Asso-Torre del rivellino 3 RID

From Viterbo, the Via Tuscanese takes to Tuscania but before reaching this town there is small road on the left driving to a red farm. After the farm, there is Castel Cardinale, of private property. This is one of the most interesting stops of this trip. The castle, with many curious local histories, is on the top of a small hill on the bottom of a tufa valley not far from a stream.

Castel Cardinale-Veduta della collina 2 RID

Castel Cardinale-Veduta 2 RID

Tuscania is worth a longer visit with its fortified Rivellino Palace, the wonderful Romanesque churches of Santa Maria Maggiore and San Pietro, the lovely Marta Valley, the Belvedere of Torre di Lavello and much much more.

Tuscania-Panorama dal Belvedere 1 RCRLB

Tuscania-Rivellino, rovine 1 RCRLB

From Tuscania the road takes to Marta and Lake Bolsena. A short distance before Marta, there is Castell’Araldo (built by the Templars) and not far from here, the Castle of Monte Leano, with its broken tower known as Forchetta del Diavolo (Devil’s Fork).

Mti Volsini-Torre di Monte Leano RCRLB

Following the Via Verentana and the road leading to Montalto, it is possible to move toward the sea and visit two other interesting areas, Castellardo – near Canino – and Castelvecchio, not far from Arlena di Castro. It must be noted that these two spots are really very hard to be found and such a trip is only for those who like adventure. Much easier is the way to Lake Volsino (another name by which Lake Bolsena is known). The road runs along the lake and reaches Montefiascone, famous for its wine “Est! Est! Est!”, and dominated by the remains of the Rocca dei Papi, worth a visit not only for its archeological presence but also for the relaxing sight it offers on the whole lake. Once left Montefiascone the trip continues to Bolsena, still running around the lake. Bolsena, famous for the Miracles of Santa Cristina, has a wonderful medieval hamlet – for sure, one of the most beautiful of Latium – and the Rocca dei Monaldeschi (Monaldeschis’ Fortress) now hosting an interesting museum.

Bolsena-Rocca Monaldeschi 2 RCRLB

Bolsena-Scorcio 4 RCRLB

Once visited Bolsena, it is time to go back to Montefiascone (don’t miss the small but very nice Church of San Flaviano) and take the road leading to Celleno and Bagnoregio. At the end of this road, a sign indicates the way to reach Ferento, with its open air theatre (worth a visit). Civita di Bagnoregio – known as “The Dying Town” due to the erosion which is destroying the hamlet – almost suspended on a unique valley – known as “Valle dei Calanchi” which no equal in the world. After the visit to Civita di Bagnoregio – it takes a few hours but should not be missed – the tourist goes back to Lake Bolsena and again to Montefiascone, to Viterbo and to Orte via SP Ortana (SP 151). A few chilometers before the deviation (to the right) for Soriano nel Cimino, there is a road sign indicating Castello di Corviano, with a lovely archeological site, worth a visit (leave the car in the nearby and go by foot). Another road sign (Chia) on the left suggests a visit to the Tower of Chia, the manor where Pier Paolo Pasolini spent his last years.

Castello di Chia 1 RCRLB

From Chia, the visitor should go back toward Soriano and take the highway to Orte, another small town worth a visit. From Orte, the next stops will be Gallese and Civita Castellana (from Orte, look for Orte Scalo – that’s Orte Railways Station). The road enter a major road (Via Flaminia) and a few chilometers from Civita Castellana the remains of Rocca di San Leonardo appear on the right. This almost destroyed Rocca rests in the area called “Borghetto”. Following the direction to Rome (turn to right) the road passes on the back of this castle (also known as “Andosilla Castle”) and takes us to Civita Castellana with its interesting Duomo and Forte Sangallo (both worth a visit). Not far from Civita Castellana, the shape of Monte Soratte (Soratte Mountain) carves the sky on the way to Rome. We are in the area known as Agro Falisco, whose landscape gave Goethe and other famous travellers of the past the clue for their masterpieces. Following the road to Rome, on the right we find the sign to Faleria, with its Castello di Paterno (Paterno Castle) unfortunately almost distinguishable from the brambles covering the structure. Once crossed Faleria, a small sign on the right shows the way to Castello di Foiano (Foiano Castle) where you make take a rest and appreciate the area. Calcata is not far and lays on the top of a rock hill, destroyed by an earthquake in the ancient years and now restored and inhabited – since the ‘70s – by families of artists offering their masterpieces to the thousands of tourists coming from all over the world.

Borghetto-Rocca di S. Leonardo RCRLB

From Calcata, a path crossing river Treja leads to the abandoned Castle of Santa Maria (Santa Maria Castle) of which only a short tower reminds the visitors the existence of some sort of civilisation. The whole Agro Falisco is dotted with remains of towers and castles, very often difficult to be located and found due to the thick vegetation . The most interesting spots are near Nepi and Castel Sant’Elia (Torre di Isola Conversina, Porciano Castle, Castel d’Ischia, Castel Filissano…). From Nepi, reaching the Via Cassia near Settevene is a matter of minutes, thus closing this long itinerary.

Translation by Osvaldo Velo (http://flyfishingtuscia.com/)
Recommended accommodations: 
Tolfa (RM)“Fontana del Papa”
Roccalvecce (VT) “Castello Costaguti”

Panorama da Olevano Romano

Olevano Romano-Panorama dalla rocca RCRLB

Noto per il vino rosso “Cesanese”, un’eccellente doc che in questi ultimi anni sta vivendo una riscoperta, Olevano Romano fu una delle mete predilette del Grand Tour nei dintorni di Roma, come testimonia il Bosco della Serpentara, da duecento anni ritrovo di artisti ed intellettuali europei. Ancora oggi il borgo, pur ingranditosi in modo eccessivo, offre panorami splendidi su un territorio – l’Alta Valle del Sacco – rimasto piuttosto integro e, come detto, dedito all’agricoltura, soprattutto vitivinicola. Il paese è sfiorato dall’itinerario “Borghi e paesaggi segreti della Ciociaria: parte 1”.


Villa Catena presso Poli

Villa Catena-Veduta 2 RCRLB

Uno scorcio dell’elegante, cinquecentesca Villa Catena, appena emergente dalla fitta vegetazione che ormai sta ricoprendo il sito. Si tratta di una delle ville abbandonate più misteriose del Lazio, risalente al Seicento e soggetto di alcuni dipinti all’epoca del Grand Tour che la resero celebre fra i vedutisti di tutta Europa. Siamo nell’Agro Polense, un territorio ricco di fascino storico, artistico e paesaggistico a pochi chilometri dalla Capitale.


Attraverso l’Agro di Vejo lungo la “Strada dei Parchi”

Dopo la strada fra Sant’Oreste e Ponzano Romano, torniamo sulle colline immediatamente a nord della Capitale per scoprire un altro itinerario di grande fascino. Tramite la Via Cassia Bis in pochi minuti si giunge a Campagnano Romano, uno dei paesi più sottovalutati della Provincia di Roma benché colmo di interesse architettonico. Da qui ci si inoltra lungo SP 14/a nella porzione più meridionale dell’Agro Falisco, tutelata dal Parco Regionale di Veio: siamo su una delle cosiddette “Strade dei Parchi” e dopo pochi chilometri il nastro d’asfalto inizia a correre solitario e tranquillo in aperta campagna, fra boschi e coltivi ed aperture panoramiche sempre più ampie. Arrivati a un bivio si può proseguire verso Morlupo e la Flaminia attraverso il “cuore” dell’area protetta; noi però continuiamo per Magliano Romano sulla SP 18/b fino a sbucare sulla strada che collega Calcata e Flaminia, ormai in Provincia di Viterbo. In ogni caso si può godere uno dei paesaggi più suggestivi del Lazio, che ha mantenute quasi inalterate le caratteristiche della Campagna Romana decantata dai viaggiatori del Grand Tour: vasti e ininterrotti spazi “orizzontali” la cui apparente “immobilità” è rotta soltanto da greggi di ovini e da bovini dalle grandi corna. Il fotografo o il semplice viaggiatore potrà quindi avvalersi di un ambiente assai poco trafficato in uno scenario “alla Corot”, davvero per intenditori, tanto bello quanto tuttora pressoché sconosciuto nonostante il prestigio artistico di cui godette fra Sette e Ottocento.

Campagnano Romano-Piazza, scorcio 1 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 5B RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 11 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 6 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 10 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 3 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 1 RCRLB

Agro Veientano-Pascolo presso Magliano Romano RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 4 RCRLB

Agro Veientano-Campagna presso Magliano Romano 1 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 8 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 12 RCRLB

Agro Vejentano-Paesaggio presso Magliano Romano 9 RCRLB

Calcata-Veduta 6 RCRLB


Acquedotto presso l’Ara della Regina a Tarquinia

Tarquinia-Acquedotto presso l'Ara della Regina 1 RCRLB

Lo scenografico acquedotto settecentesco nei pressi del sito archeologico etrusco dell’Ara della Regina. Le suggestive arcate, che paiono nascere in modo naturale dal terreno, costituiscono una delle “cartoline” più celebrate della Tuscia e del Lazio, riproponendo intatte le caratteristiche tipiche del vedutismo del Grand Tour. 


Casale del Gericomio presso Tivoli

Mti Prenestini-Casale di Gericomio, veduta 1 RCRLB

Una veduta del Casale del Gericomio, situato grosso modo fra Tivoli e San Vittorino, ai piedi dei Monti Prenestini: si tratta di un’antica struttura rurale che insiste sul sito già occupato probabilmente da una fortificazione medievale e ancor prima da una villa romana di cui rimangono interessanti resti. La zona, resa misteriosa e suggestiva dalle continue presenze storiche, offre spettacolari panorami sulla porzione più integra dell’Agro Romano orientale. 


La “città fantasma” di Monterano Vecchia

Situata quasi all’estremo nord della Provincia di Roma, nella Maremma Laziale, la vecchia Monterano è probabilmente la “città morta” più suggestiva d’Italia. Sorta nell’Alto Medioevo su un antichissimo sito etrusco, venne abbandonata fra il 1799 e il 1800 in seguito al saccheggio da parte delle truppe di Napoleone. Le sue malinconiche rovine giacciono immerse in uno scenario solenne e dagli orizzonti sorprendentemente ampi, caratterizzato da selve di querce e da aspri altopiani frequentati da greggi, cavalli e bovini allo stato brado ed incisi da profondi valloni in cui scorrono acque sulfuree dai colori inquietanti, che formano rapide e cascatelle spesso ghiacciate in inverno. Oggi salvaguardato da una riserva naturale amatissima dai romani, è questo uno dei “paesaggi fantastici” più celebrati del Lazio, nonché località privilegiata di innumerevoli set cinematografici.

Monterano-Cascata Diosilla

Lo spettrale itinerario che raggiunge i ruderi di Monterano partendo dalla Cascata di Diosilla offre scorci che rimandano vagamente all’”Inferno” dantesco. In pochi chilometri si alternano ambienti totalmente differenti e talvolta contrastanti, ma tutti caratterizzati da un aspetto insolito e minaccioso. All’inizio il sentiero risale una forra, correndo ai fianchi di un torrente dalle acque rossastre, mosso da laghetti e cascate, e incedendo sinuoso tra enormi blocchi di pietra vulcanica che giacciono nelle posizioni più stravaganti, attorniati da una vegetazione lussureggiante che rimanda più alla jungla che ad un bosco italiano, con una profusione di grandi felci della specie “Osmunda regalis”.

Monterano-Torrente Bicione

D’un tratto, poi, la natura muta completamente ed il percorso sfocia su un’arida spianata in cui gorgogliano numerose sorgenti sulfuree e da cui si vedono i cunicoli di una vecchia miniera: dall’alto domina una rupe che sembra riprodurre un volto umano (chiamato localmente “l’indiano”) che cambia espressione a seconda della luce.

Monterano-Rupe antropomorfa

Monterano-Miniera abbandonata

Monterano-Solfatare

Monterano-Caldara

Poco oltre, il paesaggio cambia ancora: torna il bosco e si attraversa una scura tagliata etrusca che porta il visitatore sorpreso e affascinato sull’altopiano sommitale, da cui iniziano a scorgersi gli imponenti resti della “città fantasma”, affiancati da un maestoso acquedotto, opera del Demonio secondo la leggenda popolare (per questo detto “Ponte del Diavolo”).

Monterano Vecchia-Ponte del Diavolo

Monterano Vecchia-Chiesa e palazzo

La passeggiata tra le case e i monumenti diruti risulta, d’altro canto, non meno singolare e non meno ricca di elementi immaginifici. Stupisce ad un certo punto, giunti sotto le arcate del palazzo baronale degli Altieri, la visione di un grande leone scolpito sul sommo di una fontana che riproduce uno scoglio, opera questa (come altre nel borgo) del genio del Bernini, e che per il suo carattere estroverso è detta la “Fontana Capricciosa”.

Monterano Vecchia-Palazzo Ruspoli, scorcio

Monterano Vecchia-Palazzo Ruspoli, leone

Se lo si trova aperto, un cancello alla base del palazzo dà accesso ad una breve scalinata la quale a sua volta conduce ad uno straordinario terrazzino panoramico da cui si ammira uno dei paesaggi più splendidi ed intatti dell’intero Lazio e non solo. Compare in tutta la sua arcana bellezza la Valle del Mignone con lo sfondo dei selvaggi e verdissimi Monti della Tolfa e la mente del visitatore colto non può non andare spontaneamente a tutta quella tradizione di dipinti del Grand Tour che fra ‘700 e ‘800 ritrasse una campagna dai toni arcaici che qui è rimasta immutata nel tempo: “miracolo” compiuto dalle locali “università agrarie”, istituzioni d’origine tardo-medievale tipiche della Tuscia che salvaguardano da secoli l’utilizzo collettivo dei terreni e che costituiscono un vanto e un simbolo di civiltà per la nostra regione di cui si parla purtroppo ancora poco.

Monterano Vecchia-Palazzo Ruspoli, panorama

A dire il vero la perfezione di questo “paesaggio delle rovine”, data dal magnifico contesto ambientale in cui sono inseriti i resti urbani, meriterebbe il riconoscimento come patrimonio dell’Umanità dall’Unesco in virtù dell’estrema importanza culturale che il ruderismo rivestì nella letteratura e dell’arte europee del passato, soprattutto in epoca romantica.

Monterano-Ruderi nella vegetazione

Monterano-Porta

Sempre berniniano è il seicentesco Convento di San Bonaventura, l’edificio più noto di Monterano, che appare sullo sfondo di un grande pianoro, ed il cui sguardo d’insieme costituisce il momento culminante del percorso. Dinnanzi alla chiesa, al cui interno cresce oramai un albero dalle ampie fronde, forse qualcuno potrà ricordare l’indimenticabile scena de “Il marchese Del Grillo” con Alberto Sordi, girata proprio qui, quando il protagonista, accompagnato da un soldato francese suo amico, si imbatte nei briganti di Fra’ Bastiano, il pittoresco prete pugliese scomunicato dal Papa che poi sarebbe stato decapitato a Roma.

Monterano-Chiesa di S. Bonaventura RCRLB

Oltre San Bonaventura i camminatori più esperti possono scendere alle rive del limpido Torrente Bicione (nei pressi è una capanna di butteri) ed eventualmente proseguire lungo il Mignone in direzione dei Monti della Tolfa: del resto siamo in un territorio ancora così solitario e vasto che potenzialmente è possibile vagare per giorni in assoluta libertà, ricorrendo in ogni caso alla tenda in quanto pressoché assenti sono le strutture ricettive.

Monterano-Capanna del buttero

Monterano-Fiume Mignone RCRLB

A livello escursionistico e fotografico i periodi più indicati a Monterano sono senza dubbio l’autunno inoltrato per i meravigliosi colori che offrono i boschi e la primavera per le svariate fioriture; meno gratificante l’estate a causa del caldo e della monotonia cromatica; eccezionale invece lo spettacolo, che non raramente regala l’inverno, delle rovine ricoperte di neve. Per saperne di più si consigliano il libro “Le città perdute del Lazio” di Emanuele Zampetti e la nostra guida “Lazio. I luoghi del mistero e dell’insolito”. Per chi volesse inserire infine Monterano in un itinerario più lungo, si faccia riferimento al nostro articolo “Borghi e paesaggi segreti della Tuscia (parte 1: da Roma alla Farnesiana)”.


Nemi

Veduta di Nemi

Una veduta di Nemi dalla strada che sale da Genzano di Roma. Il piccolo centro storico sorge immerso fra i boschi dei Colli Albani a dominio del celebre lago omonimo, intriso di leggende e riti misteriosi legati al culto della Dea Diana. Come molti altri borghi laziali, Nemi ha mantenuto intatta l’immagine tanto cara ai vedutisti del Grand Tour che ne fecero uno dei luoghi d’elezione del “Viaggio in Italia”. Vi si godono tramonti indimenticabili.


Rota, presso Tolfa

Veduta di Rota

Veduta del piccolo borgo di Rota, frazione di Tolfa. Si tratta di un borgo cinquecentesco di proprietà privata, situato in posizione magnifica in un paesaggio immacolato, nel cuore della Valle del Mignone. La vista che se ne ha dal basso dalla strada Claudia-Braccianese (fra Tolfa e Canale Monterano), spesso impreziosita da vacche maremmane al pascolo brado, riporta alla memoria i dipinti degli artisti-viaggiatori del Grand Tour fra Sette e Ottocento.


Alla scoperta delle città megalitiche del Lazio

Il Lazio tra Rovine della città di Norba, torrione megaliticoi suoi tanti tesori archeologici conserva diversi esempi di mura “megalitiche” o “poligonali”. Si tratta di gigantesche mura difensive erette in diverse città dai popoli italici, del tutto simili a quelle ben più famose Cori, mura megalitichedi Creta, Micene e delle civiltà pre-colombiane: grandi massi calcarei scolpiti e posizionati in maniera da creare veri e propri mosaici di megaliti, che una leggenda vuole siano opera dei giganti ciclopi. Il nostro itinerario alla scoperta deiSegni, tratto di mura megalitiche più rilevanti esempi di questi imponenti resti archeologici ha inizio dall’antica città di Norba, nei pressi di Norma (LT). Posta su un alto terrazzo di roccia sulle pendici dei Monti Lepini, si staglia imponente sulla Pianura Pontina; vi si accede da un varco Castel San Pietro romano, mura megaliticheaffiancato da un grande torrione cilindrico, altissimo esempio del genio ingegneristico dell’antichissimo popolo dei Volsci. Si raggiunge poi la vicina Cori (LT) caratterizzata dalla presenza all’interno dell’abitato di mura poligonali che palesano, nella propria stratigrafia, almeno tre epoche costruttive. Sempre sui Monti Lepini, ma nel loro versante ciociaro, si erge Segni (RM) ove un interessante percorso lungo le suggestive mura conduce alla celebre Porta Saracena, ritratta spesso nei dipinti dei viaggiatori del Grand Tour. Da qui si attraversa la Valle del Sacco e, risalendo le pendici dei Monti Prenestini, si visitano Palestrina (RM) e Castel San Alatri, porta medievale e megalitica Pietro Romano (RM): entrambi custodiscono resti di mura megalitiche. Proseguendo alla volta della Ciociaria tre tappe sono fondamentali e si collocano come le più interessanti per scoprire questi ruderi fantastici, ossia Ferentino (FR), Alatri (FR) e Veroli (FR). Queste città conservano straordinari resti di mura megalitiche, ognuna con le sue peculiarità in special modo rispetto alla forma delle porte principali. Civita Vecchia di Arpino,Acropoli, mura poligonaliL’itinerario si chiude ad Arpino (FR), la città natale di Cicerone. All’apice del paese si erge la Civita, perimetrata dalle mura megalitiche nelle quali si apre una splendida porta a sesto acuto, che permette l’accesso a quella che fu l’acropoli di Arpino, Ferentino, Acropoli, particolare delle mura megalitichesuccessivamente rioccupata da un villaggio medievale. Per saperne di più, il lettore può far riferimento alla guida Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito (Eremon Edizioni, 2006), dove troverà tutte le notizie relative alla storia, le leggende, i luoghi e le informazioni per raggiungerli.  

APPUNTI DI VIAGGIO

Periodi consigliati: tutto l’anno.

LINK UTILI:

Video “La bussola di pietra”.


Porta Maggiore dell’Acropoli di Alatri

Porta Maggiore dell'Acropoli di Alatri

La Porta Maggiore è l’accesso principale all’acropoli della cittadina ernica. Si apre nelle possenti mura megalitiche, mirabile esempio d’ingegneria architettonica, il cui metodo costruttivo è ancor oggi dibattuto. Colpiscono, infatti, le dimensioni dei massi calcarei con i quali furono erette e la precisione con la quale vennero sistemate, tanto da creare un mosaico perfetto. I viaggiatori del Grand Tour subirono il fascino di questa imponente opera e di uno di loro, il Gregorovius, rimane un commento scolpito sulle mura.