Archivi tag: provincia di rieti

Scorcio di Magliano Sabina

Magliano Sabina-Scorcio 1 RCRLB.JPG

La cittadina di Magliano Sabina, ad una settantina di chilometri a nord dal centro di Roma, sorveglia l’autostrada col suo profilo al contempo elegante e rustico. Può essere considerata come la “seconda capitale” della Sabina Tiberina, dopo Poggio Mirteto, come importanza storica, artistica, demografica ed urbanistica, e di sicuro costituisce il punto di riferimento per il settore settentrionale di questo territorio, al confine con la Regione Umbria e quindi con la Sabina umbra.

Annunci

Paesaggio presso Torri in Sabina

Mti Sabini-Panorama presso Torri in Sabina RCRLB

Il bellissimo ed armonioso paesaggio della Sabina Tiberina nei pressi di Torri. Sullo sfondo lo splendido borgo di Casperia. Il verde rigoglioso della vegetazione rende la zona particolarmente accogliente (e fotogenica) anche in un’estate particolarmente calda e siccitosa come questa.


Castello di Poggio Poponesco

Fiamignano-Castello di Poggio Poponesco 1 RCRLB.JPG

Il Cicolano, “terra di mezzo” fra Sabina ed Abruzzo, possiede uno dei “paesaggi medievali” più suggestivi e meglio conservati del Lazio. Innumerevoli piccoli borghi arroccati come presepi punteggiano le fitte foreste di querce, faggi e castagni, donando spesso panorami superbi sul Lago del Salto. Molti anche i castelli, quasi sempre in rovina, come quello di Poggio Poponesco, dall’aspetto epico, posto a dominio della Valle del Salto e del paese di Fiamignano: per saperne di più si faccia riferimento alla nostra guida “I castelli perduti del Lazio e i loro segreti”.


Paesaggio sabino nella Valle del Tevere

Valle del Tevere-Paesaggio con Mte Soratte presso Collevecchio 1 RCRLB.JPG

Il magnifico paesaggio rurale della Sabina Tiberina dalla splendida strada tra la Flaminia, il bivio per Collevecchio, Borgo Nuovo e Santa Maria in Vescovio. E’ dominato da vicino dalla mole inconfondibile del Monte Soratte, luogo di misteri e leggende


Veduta di Roccantica

Roccantica-Veduta 4 RCRLB

Una veduta dal basso di Roccantica, splendido borgo medievale nel cuore della Sabina Tiberina. Il villaggio, dominato dai ruderi di un castello, si staglia in modo spettacolare fra i boschi di lecci e querce incutendo al visitatore un senso di ammirazione e rispetto. L’ambiente circostante racchiude due tesori, uno storico e l’altro naturalistico: rispettivamente l’Eremo di San Leonardo e la gigantesca dolina nota come il “Revotano”, del diametro di circa 250 metri, cui sono legate leggende popolari (per saperne di più si consiglia la nostra guida “Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito”).


Casperia, the queen of Sabina Tiberina

When climbing the Sabine hills to Casperia, whether from Passo Corese or the motorway A1 Milan-Naples (exit: Ponzano-Soratte), there is a sense of amazement looking through the windows at the scenery that runs beside us. Olive groves, pastures, fields and farms litter the “small Umbria”, before uncovered, perhaps by negligence, perhaps because we never ventured there before.

Ponte Sfondato, paesaggio

You may have ended up there after visiting the Farfa Abbey and its quaint village (borgo in Italian), which was easily accessible from Rome and undoubtedly more popular. However, those who dare venture further north, within the so-called Sabina Tiberina, are rewarded, arriving at Casperia,  with the scenery of a small country village dense with houses in stone wall, olive and cypress trees, all perched on the top of the sweet hills.

Mti Sabini-Panorama presso Torri in Sabina RCRLB.JPG

Casperia-Veduta

Those who return are never disappointed; for the first-timers, it is a delightful surprise. The rustic and well-cared for look of the village immediately shows that you are in a special place, loved by residents and welcoming for those who come and visit it.

Casperia-Porta del borgo RCRLB

Casperia-Finestra rossa RCRLB

Casperia-Scalinata con gatta RCRLB

Casperia-Fiore su una casa RCRLB

Casperia does not have monuments of particular fame, but offers glimpses of rare environmental value. Do not miss Via Massari, one of the most characteristic streets of Casperia, where the Palazzo Forani is beautiful, unmistakable for the two bears carved on both sides of the portal – revealing it once belonged to the noble house of the Orsini.

Casperia-Palazzo Forani 1 RCRLB

Casperia-Palazzo Forani 2 RCRLB

Just outside the city walls, worth mentioning is the elegant Church of the Annunciation, which houses The Annunciation by Giovanni Battista Salvi da Sassoferrato.

Casperia-Chiesa dell'Annunziata RCRLB

Houses and steps decorated with flower pots and climbers – often revealing the good taste of the owners – follow in a seemingly random, labyrinthic manner, but they seem to be structured in a spiral (or “onion bulb”). In the 1960s an analysis of the Lazio country villages revealed that each one had been organised in a precise geometric or structure-type shape: pyramid, cascade, spur, spike, spiral, etc.

Casperia-Veduta 2 RCRLB

Casperia-Via Garibaldi, scorcio RCRLB

Casperia follows a picturesque cobbled road that goes back to the large secular holm-oak that marks its skyline from far away, along with the Romanesque bell tower of the Church of St. John the Baptist – featuring the nativity scene (in Italian: presepe or presepio) within a reproduction of the whole village, skillfully made by Giannicola Mariani, a distinguished blacksmith living in Casperia.

Casperia-Chiesa di S. Giovanni Battista, campanile RCRLB

The characteristic urban architecture probably comes from the high-medieval establishment of a castle (perhaps of Longobarde origins), which sought to adapt to the natural morphology of the hill (standing 397m above sea level) to strengthen its defenses. In 1189, Aspra (original name of Casperia, changed in 1946) became free, albeit under the influence of the Holy See: in 1461 it resisted the siege of Federico da Montefeltro. The origins of the first nucleus are however Sabino-Roman, as evidenced by the remains of rustic villas scattered throughout the territory and according to various literary sources. It is no coincidence that the country changed its name in 1946, in the wake of a “fashion” that had settled in the days of Fascism, and recaptured classical toponymes with the aim of ennobling the origins of cities and countries: “Casperia” was in fact the name of an ancient Sabine city quoted by Virgil in Book VII of the Eneide.

Casperia-Vicolo

We could say that Casperia, despite its nearly 1,200 inhabitants, is becoming a bit ‘the queen’ of Sabina Tiberina, since it is the country that has managed to develop further than the Sunday “hit and run” touristic tradition perpetrated by the neighbouring Romans (in Italian: scampagnata): it is evidenced by the fact that the village has its own small community of English speakers from all corners of Europe and beyond.

Casperia-Via Massari, scorcio 1 RCRLB

Casperia-Scorcio nel borgo RCRLB

Casperia-Via Massari, scorcio 2 RCRLB

This unexpectedly international and increasingly bohemian atmosphere contrasts with the collective imagination that the provincial village would like as a typical microcosm closed in itself. In fact, these are signs of a profound change not only in the way of vacation but also of contemporary society in itself. Many foreigners, mostly of a high cultural level, prefer to visit Rome or Florence while lodging in the surrounding countryside, in order to enjoy and get to know the locals as well as those who have decided to make of this great historical and artistic heritage their new home.

Casperia-Finestra diruta RCRLB

It is now known that the great art cities have become “fun shops” (think of the case-limit of Venice) where local culture, the genuine and authentic culture, is disappearing altogether: you admire the art, the monuments and the reliable architecture, but the locals have largely lost customs and traditions – not mentioning that an Italian cook in a restaurant or trattoria in these larger cities is now a rarity. In Casperia, on the other hand, the “stringozzi” (a pasta typical of Alto Lazio and Umbria) are still the home-made (and hand-made!) by the locals.

Casperia-Particolare di un vecchio portone RCRLB

Casperia-Finestrella RCRLB

In short, destinations such as Casperia, blessed by their strategic position, are the way to combine the usability of the nearby and easily reachable “eternal city” with the enjoyment of a splendid and still unknown natural landscape, genuine gourmet cuisine, a healthy hospitality that really expresses the spirit of the people of what in the view of the stranger is the legendary “Campagna Romana”. Moreover, Casperia, for its proximity to the motorway A1 and to the Via Ternana (SS313, from Passo Corese to Terni), offers the possibility of easy trips to Tuscia and Bassa Umbria as well as of course in the rest of Sabina and Rieti territory: with a “bio-regional” approach you can create crossroads between Lazio and Umbria along the axis of the Tiber Valley, knowing a vast area of ​​homogeneous characters even in the precious local diversity.

Rocchettine-Rocca Guidonesca RCRLB

But is Casperia’s success all in the happy geographic location? Not just. The village preserves an intact historical center, not ruined by heavy modern maneuvers, and an unspoiled beauty that for a decade has fascinated Anglo-Saxon visitors, recalled by a handful of “discoverers” of this treasure that was lost among the green and endless expanses of holm-oaks and oaks of the Sabini Mountains. Other villages in the area have similar characteristics, of course, but in Casperia they take on more decisive and convincing lines to make it a sort of “manual” of the Sabino village.

Casperia-Scorcio nel borgo 2 RCRLB

The landscape, at the same time gentle and mountainous, the pines and cypresses, the medieval churches (Madonna della Neve, Montefiolo, Santa Maria di Legarano, etc.) and the Roman ruins scattered throughout the countryside, the beautiful stone-walled houses and steps of the village have been able to break into the hearts of romantic travelers of the 21st century, who in the wake of the myth of the “Grand Tour” in Italy are finding in our village those landscapes that can only be found in books and museums, as painted by the great artists of the past.

Casperia-Panorama 5 RCRLB

The so moving, flamboyant and multicolored sunset from the Casperia terraces; the softest profiles of the hills that go down to the Tiber, it flowing placidly down to a magnificent plain with its loops and its fields, all crowned by the mystical background of Mount Soratte, as immortalized by the lines of Horace. Literature, artistic memories, and visual poetry thus merge into a unicum of fine cultural value and very emotional impact for the visitor of scholastic studies.

Casperia-Panorama 6 RCRLB

But what are the best times to go to Casperia? Theoretically the village offers much at any given moment of the year, but the milder seasons offer greater emotions thanks to the colours of the nature.

Casperia-Convento di Montefiolo RCRLB

If, at the end of October, olive harvesting begins and you can observe closely the ancient and rooted tradition of sabit olive cultivation in November, you will enjoy the intense smells of the pruning roaches and the fuzzy colors of the foliage; in April and May an explosion of colour glitters through the countryside, while in the village wisteria, roses and geraniums color the gray limestone steps. In June, the fields are dotted with daisies, poppies and other spontaneous blooms. At last, July is blessed with golden wheat, and sunflowers and cicadas entertain the senses and the spirit.

Translation by Pietre di Aspra

Recommended accommodation by Itinerari Laziali:

Holiday home “Le Pietre di Aspra”

Self-catering holiday home “pietre di ASPRA” , 2 brand new apartments, drawn from an independent stone building of the XVI century in the historical city center of Casperia. As a result of a complex and careful process of restoration and renovation, the building now offers all the comforts of the modern living without sacrificing the ancient rural nature of the original structure.

DSC_0069

DSC_0143


Monte di Cambio a giugno

Qui di seguito alcune immagini dal Monte di Cambio, una delle cime maggiori del gruppo dei Monti Reatini, ben noti per la presenza preponderante del Terminillo. Il sentiero più battuto, che si consiglia di percorrere nel mese di giugno, parte dalla località Fontenuova, nei pressi di Leonessa, raggiungibile dalla magnifica strada Vallonina. Il sentiero presenta una prima parte nella faggeta per poi aprirsi completamente in uno splendido paesaggio carsico fino alla vetta della montagna (2081 m. s. l. m.). Notevoli i panorami su tutte le catene montuose dell’Appennino Centrale – con in primo piano ovviamente il Terminillo e le sue dirupate pareti-nord – e sul sottostante Piano di Leonessa, ben coltivato e punteggiato da minuscoli borghi medievali.

Mti Reatini-Mte di Cambio, paesaggio con Rifugio Maiolica 1 RCRLB.JPG

Mte di Cambio-Pascolo 2 RCRLB

Mte di Cambio-Pascolo 1 RCRLB

Mte di Cambio-Paesaggio carsico 3 RCRLB

Mte di Cambio-Paesaggio carsico 1 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama lungo il percorso 4 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama lungo il percorso 3 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama lungo il percorso 2 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama lungo il percorso 1 RCRLB

Mte di Cambio-Fioritura 1 RCRLB

Mte di Cambio-Fioritura 2 RCRLB

Mte di Cambio-Fioritura 4 RCRLB

Mte di Cambio-Fioritura 3 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, sentiero 1 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, scorcio lungo il sentiero 3 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, scorcio lungo il sentiero 2 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, scorcio lungo il sentiero 1 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, scorcio lungo il sentiero 4 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, scorcio lungo il sentiero 5 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama lungo il percorso 6 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama lungo il percorso 5 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, campo fiorito lungo il percorso 1 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, campo fiorito lungo il percorso 2 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, segnaletica 1 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, croce sulla vetta 1 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama dalla cima 2 RCRLB

Mti Reatini-Mte di Cambio, panorama dalla cima 1a RCRLB


Colline sabine da Collevecchio

Collevecchio-Panorama 6 RCRLB.JPG

Siamo quasi giunti a maggio e questo è un periodo ideale per visitare la Sabina Tiberina. Il verde della vegetazione e dei campi regna ovunque e regala sensazioni di pura pace. Affacciandosi dalle mura di Collevecchio si può ammirare l’armonia con cui gli insediamenti umani – borghi, ville e casali – si inseriscono nel dolce paesaggio agreste di questa porzione di Sabina: un esempio tutto sommato di “buon governo” del territorio, da cui sarebbe d’uopo far partire un più ampio progetto di tutela e valorizzazione della zona, con l’istituzione di un Parco agricolo e culturale della Sabina.


Aprile nella Valle del Farfa

La Valle del Farfa è il lembo più meridionale della Sabina Tiberina, cerniera fra la Sabina Romana e quella Reatina, ed offre un esempio eloquente di “paesaggio-giardino”. Siliquastri e ciliegi competono nel chiazzare rispettivamente di fucsia e bianco le colline, mentre i campi iniziano a punteggiarsi di fioriture spontanee. L’insediamento sparso già di origine mezzadrile tipico della vallata è stato negli ultimi decenni intensificato da uno sviluppo edilizio moderno da parte di italiani e stranieri attratti dalla quiete e dalla bellezza della campagna sabina. Tranne rare eccezioni, per lo più nelle aree periferiche dei paesi, ciò non ha provocato danni enormi al paesaggio e la riconversione “residenziale” degli stessi casali, in molti casi trasformati sostanzialmente in ville, ha promosso una trasformazione tutto sommato interessante di questo paesaggio agrario-culturale, avvenuta tramite la sostituzione dei terreni a pascolo o a seminativo con frutteti ed uliveti o con più o meno vasti giardini privati. Non sono tuttavia scomparsi i prati e i campi di grano, verdissimi ad aprile, che variano ed equilibrano questo scenario per lo più arboreo. Tutt’intorno regnano le vaste leccete dei Monti Sabini, secondo uno schema “classico” nelle aree preappenniniche dell’Italia Centrale. Si consiglia di partire da Poggio Mirteto, toccando piccoli paesi di grande fascino come Bocchignano e Castelnuovo (che ospita un bel Museo dell’olio), oltre ovviamente all’antica e splendida Abbazia di Farfa, affiancata dal suo suggestivo borgo rurale. Altre “chicche” sono i panorami da Castel San Pietro (la cui veduta fu il soggetto dell’unico dipinto paesaggistico del Caravaggio), Montopoli, Mompeo e Salisano, nonché le gole del Farfa fra mulini, ponticelli e pievi, ed infine, in direzione della Salaria, i pittoreschi centri di Toffia e Frasso Sabino. Lungo tutto il tragitto sono numerosi agriturismi, ristoranti e trattorie di campagna. Un ringraziamento all’amico, grande fotografo della Sabina, Filippo Simonetti per avermi fatto da guida attraverso lo splendido paesaggio della Valle del Farfa.

LB

Montopoli in Sabina-Panorama 1b RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio fra Montopoli e Castel S. Pietro 1 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio fra Montopoli e Castel S. Pietro 3 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio fra Montopoli e Castel S. Pietro 2 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio presso Castel S. Pietro 1 RCRLB

Castel S. Pietro-Veduta 1 RCRLB

Castel S. Pietro-Veduta 2 RCRLB

Castel S. Pietro-Scorcio 1 RCRLB

Castel S. Pietro-Palazzo 1 RCRLB

Castel S. Pietro-Panorama 1 RCRLB

Castelnuovo di Farfa-Veduta da lontano 1 RCRLB

Abbazia di Farfa-Veduta da lontano 1 RCRLB

Castel S. Pietro-Panorama 2 RCRLB

Castel S. Pietro-Cappelletta di S. Domenico 1 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio presso Castel S. Pietro 4 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio presso Castel S. Pietro 3 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio presso Castel S. Pietro 2 RCRLB

Valle del Farfa-Paesaggio presso Castel S. Pietro 5 RCRLB

Valle del Farfa-Strada di Granica 2 RCRLB.JPG

Bocchignano-Veduta 1 RCRLB

Bocchignano-Scorcio 1 RCRLB

Valle del Farfa-Campagna con siliquastro 1 RCRLB

Valle del Farfa-Casale con siliquastri 1 RCRLB

Valle del Farfa-Strada di Granica, paesaggio 2 RCRLB

Valle del Farfa-Strada di Granica, paesaggio 3 RCRLB

Valle del Farfa-Strada di Granica, paesaggio 1 RCRLB

Valle del Farfa-Strada presso Farfa 1 RCRLB

Valle del Farfa-Strada di Granica 1 RCRLB

Abbazia di Farfa-Veduta 1 RCRLB

Abbazia di Farfa-Veduta 2 RCRLB


Paesaggio-giardino nella Valle del Farfa

Valle del Farfa-Paesaggio presso Castel S. Pietro 1 RCRLB.JPG

Mai come in questo periodo, quando la primavera esplode in mille colori, la Valle del Farfa offre un esempio eloquente di “paesaggio-giardino”. Siliquastri e ciliegi competono nel chiazzare rispettivamente di fucsia e bianco le colline, mentre i campi iniziano a punteggiarsi di fioriture spontanee: uno spettacolo da non perdere. 


Colline sabine presso Poggio Mirteto

Poggio Mirteto-Paesaggio in loc. Misericordia 1 RCRLB

Le dolci e variopinte colline della Sabina Tiberina dalla strada che sale dallo scalo di Poggio Mirteto all’omonimo paese. La primavera è ormai esplosa nelle valli sabine, punteggiate da borghi, ville e casali.


Paesaggio sabino a Colle Sala

Date le quote poco elevate, a dicembre le colline della Sabina Tiberina giungono all’apice per quanto riguarda le sfumature tardo-autunnali della vegetazione. Dopo tale malinconica esuberanza inizierà il lungo riposo dell’inverno. Una delle zone più belle e meno conosciute è quella di Magliano Sabina, al confine con la Provincia di Terni. Si consiglia una passeggiata lungo il crinale del Vocabolo Colle Sala: vi si si arriva dalla Via Flaminia prendendo le indicazioni per l’omonima contrada e passando prima per un’interessante “gelateria agricola”. Nella zona si trova una chiesetta rurale (moderna). Stupende le vedute sulle colline d’intorno e sui borghi di Cicignano e Chiorano.

sabina-tiberina-voc-colle-sala-vista-verso-cicignano-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-paesaggio-1-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-paesaggio-2-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-18-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-17-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-campagna-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-1-rcrlb

magliano-sabina-voc-colle-sala-paesaggio-verso-collevecchio-1-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-2-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-10-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-15-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-8-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-12-rcrlb

Mti Sabini-Voc. Colle Sala, paesaggio 9 RCRLB.JPG

magliano-sabina-voc-colle-sala-paesaggio-collinare-1-rcrlb

magliano-sabina-voc-colle-sala-paesaggio-crepuscolare-1-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-verso-chioria-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-vista-verso-chiorano-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-16-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-foliage-1-rcrlb

mti-sabini-voc-colle-sala-paesaggio-13-rcrlb

sabina-tiberina-voc-colle-sala-gregge-al-tramonto-rcrlb

magliano-sabina-voc-colle-sala-campagna-al-tramonto-rcrlb


Rocca Guidonesca di Rocchettine

rocchettine-rocca-guidonesca-1b-rcrlb

L’imponente Rocca Guidonesca spicca fra le rovine del villaggio di Rocchettine e sorveglia – assieme al sottostante borgo di Rocchette – il corso del Torrente Aia, affluente del Tevere. Siamo in un angolo solitario e segreto della Sabina Tiberina ove eremi, castelli e paesi arroccati si susseguono dando al paesaggio un aspetto romantico.


Il presepe con le balle di fieno di Selci

Nel piccolo borgo sabino di Selci, perso in una valletta e invisibile dalle strade principali, letteralmente “si nasconde” una simpatica curiosità folkloristica. Nel periodo natalizio, nell’ambito della manifestazione “Balle di Natale”, fra le viuzze medievali vengono posizionate numerose rotoballe di fieno che ripropongono i personaggi tipici di un presepe. Se si va in mezzo alla settimana, l’atmosfera spopolata del paese può suscitare un’impressione fantastica, soprattutto nei bambini, poiché queste singolari sculture paiono esserne gli unici abitanti, osservando i visitatori con i loro grandi occhi. Si consiglia di contattare la Pro Loco di Selci per avere conferma dell’allestimento anche quest’anno. Qui di seguito alcune immagini tratte da un’edizione passata, assieme agli scorci del paese.

selci-presepe-con-rotoballe-3-rcrlb

selci-presepe-con-rotoballe-4-rcrlb

selci-presepe-con-rotoballe-2-rcrlb

selci-presepe-con-rotoballe-1-rcrlb

selci-presepe-con-rotoballe-5-rcrlb

selci-archetto-1-rcrlb

selci-chiesa-del-ss-salvatore-scorcio-rcrlb

selci-comignoli-e-tetti-rcrlb

mti-sabini-paesaggio-presso-selci-rcrlb

selci-panorama-dal-paese-rcrlb


Campagna ai piedi di Monteleone Sabino in autunno

mti-sabini-campagna-ai-piedi-rcrlb

In autunno inoltrato le colline della Sabina interna si rivestono di mille sfumature grazie alla straordinaria varietà vegetazionale della zona: aceri, tigli, pioppi, noci, ciliegi, ornielli, querce, castagni e altre piante si sommano alle essenze sempreverdi come il leccio e l’olivo componendo una meravigliosa armonia di colori. Qui siamo nella splendida campagna ai piedi di Monteleone Sabino, luogo di importanti ritrovamenti archeologici.


Eremo di San Cataldo presso Cottanello

cottanello-eremo-di-s-cataldo-1-rcrlb

Il suggestivo Eremo di San Cataldo presso Cottanello, ricavato nel X secolo dai monaci benedettini in una parete rocciosa dei Monti Sabini. Nelle sue vicinanze si apre un magnifico panorama sulla Sabina Tiberina.


Scorcio “agro-urbano” di Rieti

Rieti-Scorcio 1 RCRLB.JPG

Uno splendido scorcio autunnale di Rieti dai campi che costeggiano il Fiume Velino e che in parte tutt’oggi bordano il suo centro storico. Sottovalutata per decenni, Rieti sta vivendo negli ultimi tempi una “rinascita” all’insegna della qualità della vita e del turismo “lento”. Piste ciclabili e passeggiate urbane ed extraurbane disegnano il quadro di una città “a misura d’uomo” dove l’edificato e gli spazi agricoli e naturali convivono in un rapporto armonioso seppur assai delicato.


Tramonto da Fara Sabina su Monte Acuziano

fara-in-sabina-tramonto-su-mte-acuziano-2-rcrlb

La luce del tramonto indora le rovine dell’Abbazia di San Martino sul Monte Acuziano, viste da Fara Sabina; sullo sfondo il mistico Monte Soratte. La zona è colma di tesori archeologici ed artistici (basti pensare all’Abbazia di Farfa) ma anche di luoghi curiosi: per saperne di più cfr. “Lazio, i luoghi del mistero e dell’insolito”.

 


Rocca di San Leonardo a Borghetto

La Rocca di San Leonardo (o Castello di Andosilla), meglio conosciuta come “Castello di Borghetto”, sorge nei diretti pressi dell’omonima frazione del Comune di Civita Castellana. Nata nel Quattrocento come nucleo di attività artigianali, Borghetto, un paio di file di rustiche case a schiera in tufo, è una vecchia stazione di posta della Via Flaminia, a poca distanza dal Fiume Tevere, in una storica zona di transizione fra la Tuscia e la Sabina umbro-laziale, che anticamente segnava il confine fra le popolazioni dei Falisci e dei Sabini.

borghetto-rocca-di-s-leonardo-rcrlb

A vederlo dalla SS Flaminia, provenendo da Roma, il Castello di Borghetto appare all’improvviso con grande effetto scenografico: dal caldo color bruno tufaceo e dallo stile architettonico difficilmente definibile a causa dei vari crolli, si tratta di un unicum nel panorama dei “castelli perduti” del Lazio. Anche la campagna circostante è ricca di spunti romantici, ed è caratterizzata dalla confluenza della Valle del Treja con la Valle Tiberina, e quindi dal contrasto fra aspetti di natura selvaggia e “capricciosa” e riposanti scenari agresti. Sembrano risuonare le parole di Goethe che nel suo “Viaggio in Italia” descrisse con accenti di meraviglia questi paesaggi così particolari.

civita-castellana-panorama-1-rcrlb

Di certo, i rumori provenienti dalle strade e la relativa vicinanza con l’area industriale di Civita Castellana tolgono parecchio della poesia che questo luogo dovette avere sino a non molti decenni fa: ma, non appena risalita la collina sulla quale si adagiano i resti del poderoso castello, l’atmosfera d’improvviso diviene pregna di magia e sospesa nel tempo. Circondati da rigogliosa vegetazione, e raggiungibili tramite uno scomodo seppur ben visibile sentierino nella macchia, i resti della rocca di San Leonardo si scoprono mano a mano ai nostri occhi.

castello-di-borghetto-maschio-centrale-a-rcrlb

Si può giungere ad uno spiazzo che probabilmente era l’antica corte, dove si può ammirare dal basso l’imponenza della struttura principale, rimasta quasi intatta all’esterno: tutt’intorno si ammira una spessa cortina muraria, aperta da un arco a tutto sesto, anch’esso invaso dalle piante, che dà sulle case di Borghetto; si notano anche alcune grotte, di incerta origine. Il sito fu abitato del resto in epoche remotissime, sicuramente dai Falisci, ma non sono ancora stati condotti studi accurati in tal senso e le fonti sono davvero scarse, anche rispetto all’epoca medievale.

castello-di-borghetto-struttura-merlata-1-rcrlb

Situato in posizione strategica, il nucleo primitivo del castello (plausibilmente una torre di vedetta) venne edificato nel XII-XIII secolo, quando appare menzionato un Burgus o Burghettus S. Leonardi, ad opera dei monaci cistercensi della non lontana Abbazia di Santa Maria di Falleri. Alla fine del Trecento il fortilizio (assieme all’abbazia) viene ceduto da papa Bonifacio IX all’Ospedale romano di Santo Spirito in Sassia, che lo avrebbe tenuto fino al 1538 quando sarebbe passato alla Camera Apostolica; successivamente, per volontà di papa Paolo III Farnese, entrava di diritto nel “famigliare” Ducato di Castro. Dopo la disfatta dei Farnese ed il ritorno del maniero per molti anni nel patrimonio di San Pietro, nel 1790 esso fu ceduto alla famiglia spagnola degli Andosilla. Poco dopo, tuttavia, nel 1798 esso finì incendiato e distrutto dalle truppe napoleoniche, momento che segnò il suo inesorabile abbandono. In origine svettava sul castello un’altissima torre di 43 metri, purtroppo crollata in una notte del 1950, che permetteva una vista straordinaria a 360°.

castello-di-borghetto-struttura-merlata-2-rcrlb

Leggermente staccata e rialzata dal corpo di fabbrica militare vero e proprio, si innalza la modesta mole della Chiesa di San Leonardo (da cui il nome della rocca), frutto plausibilmente della ristrutturazione di un preesistente edificio cistercense: a navata unica, si offre alla vista in condizione ormai di rudere, col tetto crollato e con il semplice campaniletto a vela a far da residua “decorazione” assieme alle misere tracce di affreschi; dal prato al lato della chiesetta si gode una bella vista sulla rocca e sulla vallata, uno scorcio che al tramonto assume toni fantastici, mentre alle sue spalle una recinzione vieta il passaggio verso dei campi vastissimi.

castello-di-borghetto-chiesa-di-s-leonardo-rcrlb

Tutto il complesso del Castello di Borghetto è infatti inserito in una grande tenuta agricola, la Fattoria Lucciano, ove fra l’altro si possono acquistare prodotti biologici. L’azienda permette di effettuare escursioni nella splendida tenuta e saltuariamente organizza visite al castello, per le quali sta approntando un sentiero turistico. Per il suo aspetto misterioso, il castello ha stimolato nei secoli leggende popolari, che lo vorrebbero custode di inestimabili tesori: si dice che sotto al fortilizio si dipanino lunghe gallerie, i cui accessi d’altro canto sono ancora visibili qua e là, considerate dagli studiosi come cimiteri paleocristiani (per maggiori informazioni: “I castelli perduti del Lazio”).

castello-di-borghetto-chiesa-di-s-leonardo-campanile-rcrlb

Al di tutto, il complesso meriterebbe senza dubbio un’attenzione maggiore da parte delle istituzioni, nonché interventi volti a svilupparne le potenzialità turistiche. Senza dimenticare che la vegetazione ha ormai colonizzato quasi completamente l’edificio, mettendo a serio rischio l’integrità delle mura e rendendo oltre modo difficile la visita.

APPUNTI DI VIAGGIO

Periodi consigliati:
Tutte le stagioni tranne l’estate, allorquando la vegetazione diventa troppo invadente e il caldo può essere eccessivo.

Da visitare nei dintorni:
Calcata, Civita Castellana, Gallese, Via Amerina, Orte, Otricoli ed Ocriculum.

Links:
www.castellidelazio.com
www.comune.civitacastellana.vt.it
www.fattorialucciano.com


Cordoglio e solidarietà per le vittime del terremoto di Accumoli-Amatrice-Arquata

Esprimiamo cordoglio e solidarietà per le vittime del disastroso terremoto nell’Amatriciano-Piceno. Auspichiamo che il Governo rimanga vicino a chi ha perso tutto nel giro di pochi minuti, assicurando gli aiuti necessari sia ora nel momento dell’emergenza che nei prossimi tempi. Siamo sicuri che i paesi della Conca di Amatrice e della Valle del Tronto, ossia di uno dei territori più belli degli Appennini, se non lasciati soli, sapranno risollevarsi grazie alla civiltá, serietà e laboriositá che li contraddistingue da sempre.

Luca Bellincioni e Daniela Cortiglia