Archivi tag: val di comino

Il Lago di Posta Fibreno

Lo spettacolare panorama sul Lago di Posta Fibreno, visto dall’omonimo borgo, alle porte della Val di Comino. In basso sulla sinistra spicca la cosiddetta “Rota”, l’isola “galleggiante” di torba e radici citata sin nell’antichità da Marco Terenzio Varrone e da Plinio il Vecchio.


Fra le spettrali rovine del Castello di Vicalvi

Fra le romantiche rovine del Castello Longobardo di Vicalvi, che le leggende popolari del posto raccontano sede di oscure presenze: per maggiori informazioni sulla storia e i misteri di questo maniero si faccia riferimento alla nostra guida “I castelli perduti del Lazio”.


Riflesso magico sul Lago di Posta Fibreno

Uno degli infiniti scorci di un luogo “magico” come pochi: il Lago di Posta Fibreno, ai piedi del verante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.


Nel borgo di Picinisco

Picinisco-Scorcio nel borgo con murale 1 RCRLB

Uno scorcio delizioso nel panoramico borgo di Picinisco.


Scorcio romantico alle pendici di Settefrati

Val di Comino-Campagna con casale presso Settefrati 1 RCRLB

La Val di Comino è senza dubbio uno dei territori più affascinanti del Lazio per il suo intreccio fra dolci colline ben coltivate e le poderose montagne appenniniche del versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo. Si consiglia di percorrere la Via Romantica della Val di Comino, che tocca tutti i paesi della zona regalando panorami mozzafiato. Risalendo in particolare le colline sottostanti al “borgo-presepe” di Settefrati si ammirano scorci oltremodo deliziosi, come quello offerto dall’Agriturismo Il Casino Rosso, che ringraziamo per la cortese ospitalità.


I Monti della Meta da Picinisco

Mti della Meta-Panorama da Picinisco RCRLB

Se il panorama da Picinisco guardando verso sud-ovest incanta per la bellezza radiosa della Val di Comino, affacciandosi dal lato opposto del paese, verso est, il paesaggio cambia completamente: monti imperiosi e valli scoscese rivestite di foreste e solcate da torrenti catturano lo sguardo del visitatore. Siamo nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, dominato dalla mole dei selvaggi Monti della Meta, rifugio per orsi, lupi, aquile e camosci. Davvero in certi borghi del Lazio non si sa da che parte guardare per via della bellezza paesaggistica che straborda ovunque!


Settefrati-Particolari scultorei nel borgo

Settefrati-Particolari scultorei nel borgo 1 RCRLB

Alcuni altorilievi di incerta fattura nel piccolo borgo di Settefrati, uno scrigno di interesse iconografico tutto da scoprire.


La Val di Comino da Picinisco

Picinisco-Panorama 1 RCRLB

Da Picinisco si apre uno dei panorami più belli della Val di Comino, vero paradiso rurale della Bassa Ciociaria, punteggiato da borghi ricchi di storia, fascino e mistero.


Fra i vicoli di Atina

Atina-Vicolo nel borgo 1 RCRLB

Assai piacevole è passeggiare per i vicoli di Atina, che rivelano notevoli influssi abruzzesi sia nell’architettura sia nei dettagli scultorei e artigianali (stemmi, portali, ecc…): un centro storico che spesso regala edifici di notevole rilievo e che va scoperto con la calma che caratterizza il visitatore curioso.


Paesaggio crepuscolare nella Val di Comino

Val di Comino-Paesaggio al tramonto presso S. Donato 1 RCRLB

Un’immagine crepuscolare nelle bellissime campagne di San Donato Val di Comino…


Nella Val di Canneto ad ottobre

Mti della Meta-Val di Canneto, paesaggio 1 RCRLB.JPG

Compresa nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e nota per un venerato santuario di origini antichissime, la Val di Canneto, nel Comune di Settefrati, offre un paesaggio alpestre ed è stata recentemente sottoposta ad un riuscito intervento di valorizzazione ambientale. Assai frequentato è il sentiero che sale alla magnifica località di Tre Confini, ove in questo periodo si può ascoltare il bramito dei cervi in ​​amore ed avvistare interni branchi di questi animali selvatici. Altro motivo di interesse è il foliage delle faggete che sta per raggiungere il suo massimo.


Settefrati: un “paese-presepe”

Settefrati-Veduta 1 RCRLB.JPG

Una sorpresa sulle montagne della Val di Comino: è il borgo di Settefrati, che appare tra prati e boschi come un vero “paese-presepe” …


Mulino sul Lago di Posta Fibreno

Lago di Posta Fibreno-Mulino 1 RCRLB

Un romantico mulino ad acqua si specchia nelle limpide acque turchesi del Lago di Posta Fibreno in uno scorcio senza tempo …


Panorama da Picinisco sulla Val di Comino

Picinisco-Panorama 1b RCRLB.JPG

Una visione incantevole da Picinisco, uno dei centri più importanti della Val di Comino, appartata quanto bellissima terra di confine della Bassa Ciociaria. Forse il paesaggio non è tanto dissimile da quello che dovette ammirare David Herbert Lawrence, il quale vi soggiornò traendone ispirazione per la sua opera “La ragazza perduta”. 


Vicalvi in lontananza

Vicalvi-Veduta da lontano 1 RCRLB.JPG

Vicalvi in lontananza, visto dalla Piana del Fibreno. E’ dominato dall’imperiosa mole del Castello detto “Longobardo” (cfr. “I castelli perduti del Lazio… e i loro segreti”), su cui aleggiano fosche leggende, come quella della cortigiana Aleandra Maddaloni – vissuta nel Settecento – il cui spettro si aggirerebbe nel maniero…


Il campanile di Casalattico

Il piccolissimo borgo ciociaro di Casalattico, nel cuore della splendida Val di Comino – in parte toccata dal nostro itinerario “Alla scoperta dei borghi e dei paesaggi segreti della Ciociaria” -, vanta una piccola perla. Il campanile della chiesetta principale custodisce un vecchio orologio a carica manuale, perfettamente funzionante, che ancor oggi permette alle campane di azionarsi. Dal campanile si gode fra l’altro di un panorama indimenticabile sulla vallata. Un ringraziamento al sig. Domenico per averci fatto scoprire questo tesoro nascosto.

Casalattico-Chiesa, orologio del campanile 1 RCRLB

Casalattico-Chiesa, campanaro 1 RCRLB

Casalattico-Chiesa, panorama dal campanile 2 RCRLB

Casalattico-Chiesa, panorama dal campanile 1 RCRLB

Casalattico-Panorama 1 RCRLB.JPG


Castello di Vicalvi, scorcio interno

Vicalvi-Castello Longobardo, accesso al nucleo centrale RCRLB.JPG

Le tetre rovine del misterioso Castello di Vicalvi sorvegliano il Lago di Posta Fibreno e l’accesso alla Val di Comino, stupenda plaga che in primavera si veste di mille colori. Di origini longobarde, il poderoso maniero è visitabile purtroppo solo sporadicamente ma per chi abbia la fortuna di entrarvi resta un ricorso indelebile. Per maggiori informazioni: “I castelli perduti del Lazio… e i loro segreti”


Panorama nei pressi di Campo del Popolo

Mti del Cairo-Campo del Popolo, panorama 2 RCRLB.jpg

Campo del Popolo è uno dei più belli fra i molti altopiani che si aprono nel cuore del massiccio del Monte Cairo: da qui partono numerosi sentieri, in parte ricalcanti antichi tratturi, che offrono panorami selvaggi e amplissimi sui rilievi della Bassa Ciociaria e delle regioni confinanti. Il gruppo montuoso del Cairo, di notevole interesse storico-archeologico oltre che ambientale, è rimasto per anni nell’anonimato nel mondo dell’escursionismo ma recentemente grazie al Cammino di San Benedetto, che lo attraversa quasi per intero, sta vivendo una stagione di riscoperta.


Panorama da Casalattico

Casalattico-Panorama 1 RCRLB

In una delle zone più remote e misteriose del Lazio, nel versante sud-occidentale della Val di Comino, si trovano numerosi minuscoli borghi dall’aspetto antico ma purtroppo in via di deciso spopolamento. Uno di questi è Casalattico: nella foto si vede il bellissimo territorio che si estende verso il paese di Casalvieri, caratterizzato dal sinuoso corso del limpido Fiume Melfa. 


Castello Cantelmo di Alvito

Alvito-Castello Cantelmo 1 RCRLB.JPG

Uno scorcio dell’imponente Castello Cantelmo ad Alvito, affacciato sulla splendida Val di Comino. Si tratta di una delle più importanti architetture militari del Lazio, di cui oggi rimangono romantiche rovine (per saperne di più: “I castelli perduti del Lazio e i loro segreti”).