Archivi tag: vedute

Il Castello di Rocchette di Gallese

Un minuscolo borgo emerge da una piccola rupe di tufo come una visione, in un paesaggio completamente intatto e fermo nel tempo. E’ il castello di Rocchette di Gallese, enclave viterbese in Sabina: uno degli angoli “segreti” più incantevoli del Lazio.
Annunci

Rota: come tanti secoli fa…

Rota-Veduta dall'alto 2 RCRLB.JPG

Un’altra veduta, stavolta dall’alto, di questo borgo a cui siamo così affezionati per il suo perfetto inserimento nel magnifico paesaggio circostante: la foto è presa dal Monte Piantangeli, una delle cime più  importanti e panoramiche dei Monti della Tolfa.


Settefrati: un “paese-presepe”

Settefrati-Veduta 1 RCRLB.JPG

Una sorpresa sulle montagne della Val di Comino: è il borgo di Settefrati, che appare tra prati e boschi come un vero “paese-presepe” …


Le case di Torri in Sabina

Torri in Sabina-Scorcio 1 RCRLB.JPG

Uno scorcio delizioso di Torri in Sabina, con le sue case che emergono dal verde, in una zona molto appartata della Sabina Tiberina.


Proceno: sguardo sul Medioevo

Proceno-Scorcio 2 RCRLB.JPG

Affacciato sulla Valle del Paglia e sulla Via Francigena, Proceno incanta il viaggiatore con il suo elegante profilo qualificato dal Castello Bisoni-Cecchini, uno dei più antichi della Tuscia. Ammirare questo delizioso borgo – che la leggenda vuole fondato dal re etrusco Porsenna – dalle colline che lo circondano equivale ad aprire una “finestra” sull’Italia feudale, fatta di torri e castelli in cima ai poggi e circondati da lande solitarie. La campagna di oggi ricorda però di più il paesaggio rinascimentale, con l’armonia dei campi coltivati e i casali sparsi qua e là. Un patrimonio storico-paesaggistico straordinario da tutelare e far conoscere.

 


Vicalvi in lontananza

Vicalvi-Veduta da lontano 1 RCRLB.JPG

Vicalvi in lontananza, visto dalla Piana del Fibreno. E’ dominato dall’imperiosa mole del Castello detto “Longobardo” (cfr. “I castelli perduti del Lazio… e i loro segreti”), su cui aleggiano fosche leggende, come quella della cortigiana Aleandra Maddaloni – vissuta nel Settecento – il cui spettro si aggirerebbe nel maniero…


Cantalupo in Sabina nella nebbia

Cantalupo in Sabina-Scorcio nella nebbia 1 RCRLB.JPG

Fra le belle colline della Sabina Tiberina, ecco una visione, nella nebbia mattutina: è il pittoresco borgo di Cantalupo in Sabina, qualificato dall’elegante cinquecentesco Palazzo Camuccini.


Visione sublime: la Certosa di Trisulti

Certosa di Trisulti-Veduta da S. Nicola 1 RCRLB.JPG

Uno dei “quadri” più spettacolari della Ciociaria e dell’intero Lazio: la Certosa di Trisulti, vista dal vicino Convento di San Nicola, spicca come una gemma preziosa fra le sacre selve dei Monti Ernici, sorvegliata dalle ardite vette della Monna e della Rotonaria. Uno scorcio di perfetta e sublime integrazione fra architettura, storia e natura, che meraviglia ed entusiasma i sempre più numerosi pellegrini del Cammino di San Benedetto.


Torre Alfina, come in una fiaba

Torre Alfina-Scorcio notturno 1b RCRLB.JPG

Uno scorcio notturno del fiabesco Castello di Torre Alfina, che domina uno dei borghi più incantevoli del Lazio, perso in un severo altopiano dell’Alta Tuscia.


Roma-Palatino, scorcio dal Circo Massimo

Roma-Palatino, scorcio dal Circo Massimo 1 RCRLB

Roma: uno scorcio dal Circo Massimo verso il Palatino, sulla cui sommità sorgono i grandiosi resti dei palazzi imperiali. Con l’arrivo di settembre torna la voglia di visitare i monumenti e i centri storici…


Torre dei Piscoli-Veduta

Valle del Sacco-Torre dei Piscoli, veduta 2 RCRLB.JPG

La solitaria e romantica Torre della Mola dei Piscoli (o de’ Piscopi) emerge dal bel paesaggio agreste dell’Alta Valle del Sacco, a pochi chilometri da Paliano.


Calcata dalla Torre di Santa Maria

Calcata-Veduta da S. Maria 1 RCRLB.JPG

Una spettacolare veduta di Calcata dall’insediamento medievale della Torre di Santa Maria.


Veduta della Basilica di Sant’Elia e del Santuario di Santa Maria ad Rupes

Castel S. Elia-Basilica di S. Elia e Santuario di S. Maria ad Rupes RCRLB.JPG

Il magnifico complesso paesaggistico formato dalla Basilica di Sant’Elia e dal Santuario di Santa Maria ad Rupes, a Castel Sant’Elia, e dallo sfondo della selvaggia Valle Suppentonia.


Veduta di Sant’Oreste dal Monte Soratte

S. Oreste-Veduta dal Mte Soratte 3 RCRLB

La classica veduta di Sant’Oreste dal crinale del Monte Soratte, con lo sfondo delle verdi colline della Bassa Valle del Tevere.


Veduta di Grotte di Castro innevata

Grotte di Castro-Veduta 2 RCRLB.JPG

Una veduta invernale del centro storico di Grotte di Castro, nei pressi del Lago di Bolsena, esempio eloquente di borgo-presepe.


Veduta di Maenza dalla Valle dell’Amaseno

Maenza-Veduta da lontano 1 RCRLB

Una veduta di Maenza e dell’aspro versante meridionale dei Monti Lepini dalla Valle dell’Amaseno.


Scorcio della Necropoli di Norchia

Norchia-Necropoli, veduta 1 RCRDC

Uno sguardo inedito e romantico dall’alto sulla Necropoli di Norchia, uno dei luoghi più suggestivi del Lazio e dell’intera Etruria. Le tombe rupestri, scavate nella parete tufacea, sembrano nascere direttamente da essa, come un elemento naturale.


Veduta del Castello di Chia

Castello di Chia-Veduta 1 RCRLB

Una romantica veduta invernale della Torre (o Castello) di Chia, presso l’omonima frazione di Soriano nel Cimino ma a poca distanza da Bomarzo. Il fortilizio appare immerso in uno scenario boscoso, dando forma ad un vero e proprio “paesaggio medievale”.


Veduta di Pisterzo

Pisterzo-Veduta 1 RCRLB

La bella Valle dell’Amaseno, fra le province di Latina e Frosinone, cela molti borghi d’antico aspetto, discreti e silenziosi. Uno dei più caratteristici è senz’altro Pisterzo, frazione di Prossedi, che offre un magnifico panorama sull’intera vallata e sulle pendici dei Monti Ausoni e Lepini, ora brulle ora ricoperte di macchia mediterranea.


Veduta della Torre di Chia

Castello di Chia-Veduta della torre 1 RCRLB.JPG

Una veduta romantica della torre del Castello di Chia, conosciuto anche come “Castello di Pasolini” in quanto il famoso regista lo abitò nell’ultimo periodo della propria vita. Sorge ai margini della Piana Cimina, nella Teverina, a balcone sulla splendida Valle del Fosso Castello, tra i borghi di Chia e Bomarzo ma nel Comune di Soriano nel Cimino.