Archivi tag: valle del paglia

Trevinano nell’autunno inoltrato

Uno scorcio a fine novembre di Trevinano, all’estremo nord del Lazio.


Acquapendente: la “porta del Lazio”

Percorrendo la Via Cassia da nord verso sud per secoli e tutt’oggi Acquapendente è il primo centro che si incontra nel Lazio. Si tratta di una bella città, poco visitata e valorizzata ma ricca di fascino: in virtù del suo monumento principale, la magnifica Cripta del Santo Sepolcro, è definita la “Gerusalemme d’Europa”. Per saperne di più: “Lazio. I luoghi del mistero e dell’insolito”.


Affacciati verso l’Umbria

Poco fuori dai confini regionali, il borgo di Allerona offre panorami spettacolari su una campagna incantevole. Consigliamo il seguente tour fotografico autunnale: partire da Orvieto e raggiungere Torre Alfina passando per Viceno e proseguire per Acquapendente; dopo Acquapendente deviare per Proceno, dunque toccare Centeno e risalire per Trevinano; poi scavalcare il confine e arrivare ad Allerona tornando “ad anello” ad Orvieto. Questo itinerario è in parte descritto nel capitolo 1 – il più settentrionale – della nuova edizione di “Lazio. I luoghi del mistero e dell’insolito”.


Sul Torrente Subissone

Il Torrente Subissone, lungo il Sentiero del Fiore (a valle di Torre Alfina) crea angoli magici dove par quasi di potersi aspettare la comparsa del “piccolo popolo”… Per saperne di più su Torre Alfina: “Lazio. I luoghi del mistero e dell’insolito”.


Ponte sul Torrente Subissone

Il bel ponte ottocentesco ad arco che scavalca il Torrente Subissone – attualmente un po’ in secca dopo la grande siccità estiva – lungo il piacevole Sentiero del Fiore, presso Torre Alfina. Per saperne di più: “Lazio. I luoghi del mistero e dell’insolito – vol. 1”.


La meraviglia di Orvieto

Orvieto-Veduta 2 RCRLB

A pochi chilometri dal confine regionale, una gemma immortale d’Italia: Orvieto.


Panorama da Villa Cahen sulla Valle del Paglia

Allerona-Villa Cahen, panorama 1 RCRLB

Il magnifico panorama da Villa Cahen, elegante edificio liberty tardo-ottocentesco, posto sulle colline di Allerona, al confine con il Lazio. La Valle del Paglia appare in tutta la sua incontaminata bellezza con le sue foreste, ricche di selvaggina: dall’altra parte della vallata si innalza la verde montagnola di Torre Alfina, con il suo fiabesco castello turrito, edificato sempre dalla famiglia belga dei Cahen.


Scorcio tardo-autunnale di Acquapendente

L’austera bellezza di Acquapendente – la “Gerusalemme d’Europa” – in una fioca luce crepuscolare tardo-autunnale.


Il Fiume Paglia

Uno scorcio tardo autunnale del Fiume Paglia, dalla Cassia, alle porte di Acquapendente. Il fiume nasce dalle pendici del Monte Amiata, in Toscana, attraversa un tratto splendido di Lazio e poi sconfina in territorio umbro, ai piedi di Orvieto, andando a confluire nel Tevere nei pressi di Baschi e della Diga di Corbara.

Alba da Allerona

Una meravigliosa alba sulle splendide colline dell’Umbria occidentale dal piccolo borgo di Allerona, situato a pochissimi chilometri dal confine regionale e dalla Riserva Naturale del Monte Rufeno.


Tardo autunno sulle colline di Trevinano

Dopo l’incursione fotografica sulle splendide colline di Proceno, torniamo nel cosiddetto “Lazio toscano”, magico lembo di terra di confine che per secoli segnò l’accesso allo Stato Pontificio per chi proveniva da nord sulla Via Francigena. Stavolta ci dirigiamo però dal lato opposto della valle e della Cassia, più a est, lungo i crinali cioè, altrettanto magnifici, che risalgono i fianchi della Valle del Tirolle con vasti panorami sulla Valle del Paglia, sull’Amiata e sulle altre alture toscane e soprattutto sul vicino Monte Rufeno con i suoi fitti querceti, ora rosseggianti. La strada d’accesso, che si stacca dalla Via Cassia, è la SP 51 in direzione di Trevinano, frazione di Acquapendente, unico centro abitato della zona, il più settentrionale di tutto il Lazio. Interessanti le chiesette rurali intorno al paese, dominato dall’elegante Castello Boncompagni-Ludovisi. Dalla provinciale si consiglia di piegare a sinistra prima di giungere a Trevinano seguendo le indicazioni per vari agriturismi: come a Proceno si può lasciare l’auto e passeggiare su tranquille sterrate in una campagna bella e curata, forse un pizzico più selvatica per la maggiore presenza di boschi: i suddetti panorami e i deliziosi scorci dei casali ornati da cipressi vi riempiranno gli occhi.
Chiaramente anche in questo caso l’itinerario è piacevolissimo in bici e le strade bianche sono generalmente in buone condizioni. Ma attenzione: rispetto alla zona di Proceno qui le pendenze e i dislivelli sono assai più impegnativi.


All’estremo nord del Lazio…

Nell’estrema punta settentrionale del Lazio, sulle colline a nord di Acquapendente, il paesaggio si fa improvvisamente “toscano”, offrendo “quadri” incantevoli, del tutto simili agli scorci del contiguo Senese: qui siamo nelle magnifiche colline a valle di Trevinano, frazione di Acquapendente, dove lo sguardo spazia sulla Valle del Paglia, il Monte Rufeno e le alture toscane.

All’alba fra le colline di Proceno

Affacciata sulla Valle del Paglia presso il confine con la Toscana, e fondata secondo la leggenda dal re etrusco Porsenna, Proceno incanta sin da lontano il viaggiatore con il suo fiabesco profilo dominato dal Castello Cecchini, una delle dimore storiche meglio conservate della Tuscia. Il borgo presenta diversi spunti artistici interessanti ma qui è soprattutto l’intatto paesaggio ad essere il protagonista: le colline che circondano Proceno sono infatti magnifiche e del tutto simili a quelle contigue, ma ben più blasonate, della Bassa Toscana. Qui presentiamo una carrellata di immagini che testimoniano la bellezza di questo pregiato territorio rurale, ben curato e ricco di eleganti agriturismi. A causa della particolare sua esposizione, si consiglia di visitare e fotografare questo paesaggio al mattino presto, meglio ancora se poco dopo l’alba come abbiamo fatto noi in una fredda mattinata di novembre. I percorsi che vi suggeriamo sono due, entrambi fattibili con qualsiasi mezzo ma possibilmente a piedi avendone il tempo. Il punto di snodo è il cimitero del paese: o si va a sinistra sulla Procenese, toccando una pieve, alcuni bei casali ed entrando presto in Toscana e, oppure si va a destra su una lunga strada asfaltata che attraversa una buona parte dell’area occidentale del “Lazio toscano” (come è stato definito dalla guida rossa del T.C.I.); l’asfalto termina ad un solitario bivio, da cui, parcheggiando, si possono fare riposanti e panoramiche passeggiate su tranquille strade sterrate in qualsiasi direzione, immersi in uno scenario assai suggestivo.

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 10 RCRLB.JPG

Proceno-Scorcio da lontano in controluce 1 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 17 RCRLB.JPG

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 6 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 18 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 14 RCRLB.JPG

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 9 RCRLB.JPG

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 15 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 5 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 7 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio 5 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 15 RCRLB (2).JPG

Valle del Paglia-Paesaggio 6 RCRLB.JPG

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 13 RCRLB.JPG

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 1 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 12 RCRLB

Valle del Paglia-Paesaggio presso Proceno 11 RCRLB

Proceno-Veduta 7 RCRLB

Proceno-Scorcio sui tetti del borgo 1 RCRLB

Proceno-Scorcio del borgo 2 RCRLB

Proceno-Panorama 6 RCRLB.JPG


Proceno-Castello Cecchini

Proceno-Castello Cecchini 1 RCRLB

Il bel Castello Cecchini a Proceno, nell’Alta Tuscia, su cui aleggiano storie di presenze spettrali…


Romanticismo gotico nel Bosco del Sasseto

Torre Alfina-Bosco del Sasseto 3 RCRLB.JPG

Novembre è uno dei momenti magici per visitare il suggestivo Bosco del Sasseto, a Torre Alfina, denominato dal National Geographic il “Bosco di Biancaneve” …


Arte contemporanea e paesaggio a Torre Alfina

Torre Alfina-Panorama all'alba 1 RCRLB

L’autunno inoltrato è una delle stagioni migliori per visitare l’incantevole borgo di Torre Alfina, che in questo periodo di ammanta di magia. Qui alcune installazioni d’arte contemporanea convivono in modo spesso molto interessante con l’architettura storica e il paesaggio severo e romantico della Valle del Paglia e dell’Altopiano dell’Alfina.


Acquapendente, sulla Via Francigena

Acquapendente-Scorcio con Torre del Barbarossa 1 RCRLB.JPG

L’eleganza formale di Acquapendente, cittadina sviluppatasi nel Medioevo sulla Via Francigena. Famosa per la Basilica del Santo Sepolcro, con la sua magnifica cripta romanica, è il primo centro del Lazio che si incontra provando da nord sulla Via Cassia.


Veduta di Torre Alfina

Torre Alfina-Veduta 4 RCRLB.JPG

Una veduta di Torre Alfina, magnifico borgo dell’Alta Tuscia che nel cuore dell’autunno incrementa il suo aspetto romantico e sognante. Le visite guidate continueranno sino alla fine di dicembre, allorquando il maniero – attualmente gestito dalla Boscolo Etoile Academy – sarà purtroppo nuovamente messo all’asta: un’occasione in più quindi per accorrere a visitare questo singolare e affascinante monumento, sito in una delle zone più splendide del Lazio.


Scorcio di Proceno

Proceno-Scorcio con castello 1 RCRLB.JPG

Uno scorcio di Proceno, borgo dell’Alta Tuscia posto ai confini con la Toscana, nei pressi della Via Francigena. Il paese, d’aspetto rustico e nobile assieme, è dominato dall’elegante mole tufacea del Castello Cecchini, un tempo appartenuto addirittura agli Sforza di Milano, ed oggi sede di un ricercato albergo. 


Il Monte Rufeno da Acquapendente

Mte Rufeno-Veduta da Acquapendente 1 RCRLB

Una classica visuale del Monte Rufeno e dell’omonima riserva naturale da Acquapendente, in questo ottobre che man mano inizia a mostrare i colori autunnali.